More

    La guida definitiva al recupero da COVID-19

    -

    Potresti avvertire una vasta gamma di sintomi se hai COVID-19, tra cui febbre, brividi, affaticamento o tosse. Immagine: Prostock-Studio / iStock / GettyImages

    COVID-19 si svolge in modo simile a un brutto raffreddore o influenza per la maggior parte delle persone. Ma il risultato positivo sembra molto più preoccupante: non c’è modo di sapere con certezza come sarà il tuo recupero, e in cima a quello, c’è lo strato aggiuntivo di voler evitare di diffondere il virus a tutti i costi.

    La buona notizia è che gli esperti hanno imparato molto su questa infezione sin dai primi giorni della pandemia. Questo può aiutarti a sapere di più su cosa aspettarti, cosa dovresti fare per migliorare e quando è OK essere di nuovo intorno ad altre persone, nonché su come la tua salute potrebbe essere influenzata lungo la strada.

    Ottieni suggerimenti su come rimanere sani, sicuri e sani durante la nuova pandemia di coronavirus.

    Ecco cosa devi sapere sul recupero da COVID-19 e su come andare avanti una volta che sarai di nuovo in buona salute.

    Quanto dureranno i sintomi?

    Quando si tratta di quanto ti sentirai male e quando starai meglio, COVID-19 è una specie di scatola di cioccolatini dall’inferno: non sai esattamente cosa otterrai.

    Il virus ha una vasta gamma di possibili sintomi che possono iniziare da due a 14 giorni dopo essere stati esposti, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Questi possono includere:

    • Tosse
    • Fiato corto
    • Gola infiammata
    • Febbre o brividi
    • Dolori muscolari o muscolari
    • Fatica
    • Mal di testa
    • Perdita di gusto o odore
    • Congestione o naso che cola
    • Nausea o vomito
    • Diarrea

    E, naturalmente, alcune persone non sperimentano nulla. Sebbene i dati siano in continua evoluzione, fino al 40% delle persone con COVID-19 può essere completamente asintomatico, secondo una stima di luglio 2020 del CDC.

    Tra le persone che manifestano sintomi, circa l’80% avrà sintomi lievi, secondo il CDC. In questo caso, lieve significa che i sintomi non sono abbastanza gravi da mandarti in ospedale.

    Se sei su quella barca, il percorso verso il miglioramento potrebbe sembrare simile a quello di riprendersi da un brutto raffreddore o dall’influenza, afferma Stony Brook, internista di New York Sunitha Posina, MD. È probabile che inizierai a sentirti di nuovo te stesso tra una o due settimane.

    Circa l’80% delle persone con COVID-19 ha sintomi lievi e non richiede il ricovero in ospedale.

    Per coloro che hanno complicazioni, i sintomi spesso iniziano a diventare seri durante la seconda settimana di malattia. I segni includono:

    • Problema respiratorio
    • Dolore o pressione al petto
    • Confusione
    • Difficoltà a restare sveglio
    • Labbra o viso bluastre

    In tal caso, è difficile dire quanto tempo passerà prima che i sintomi migliorino. “Quando sei ricoverato in ospedale, abbiamo un’ampia varietà”, dice il dottor Posina. “Abbiamo avuto persone che restano per un giorno o due e hanno bisogno di ossigeno. Ma poi c’è un gruppo completamente diverso di persone che si ammalano gravemente e alla fine devono essere messe su un ventilatore”.

    La strada per la ripresa

    Per ora, COVID-19 non ha cura. “Si tratta più di cure di supporto”, dice il dottor Posina. E l’aspetto di questo tipo di cura ha molto a che fare con la gravità dei tuoi sintomi. Ecco cosa sapere sul recupero a casa rispetto a quello che potresti aspettarti se sviluppi complicazioni e devi andare in ospedale.

    Recuperare a casa

    Isolati dagli altri nella tua casa per evitare di diffondere il virus e, se non puoi farlo, assicurati di indossare una maschera. Image Credit: Justin Paget / DigitalVision / GettyImages

    I casi lievi di COVID-19 che si sentono come un brutto raffreddore o influenza hanno un recupero simile, con precauzioni extra per ridurre il rischio di ammalare qualcun altro. Anche se non ti senti così male, è essenziale restare a casa e, se vivi con gli altri, separarti il ​​più possibile. “In termini di isolamento, dovresti essere in quarantena per 14 giorni”, dice il dottor Posina.

    Leggi anche  8 segni che non stai mangiando abbastanza grasso

    Ciò significa cercare di rimanere nella propria stanza, indossare una maschera quando si deve interagire con gli altri ed essere vigili nel lavarsi le mani e pulire il più possibile le superfici condivise, secondo il CDC. Limita anche il tuo contatto con gli animali domestici, secondo il CDC.

    Una volta che hai preso le distanze, concentrati sulla ricerca di modi per sentirti meglio. Gli esperti ti consigliano di:

    • Rimani idratato. Bevi molta acqua o liquidi chiari come tisane, brodo o succo di frutta. Evita alcol e caffeina, che possono disidratare.
    • Riposa il più possibile. Il sonno è fondamentale per aiutare il tuo sistema immunitario a combattere il virus, afferma Mark Cucuzzella, MD, professore di medicina di famiglia presso la West Virginia University.
    • Prendi farmaci da banco secondo necessità. Opzioni come il paracetamolo possono aiutare con febbre e disagio.
    • Torna all’attività lentamente. Resisti all’impulso di spingerti oltre, anche se non ti senti così male. Quando la quarantena è terminata e i sintomi si sono attenuati, inizia con attività delicate come camminare e aumenta lentamente da lì. “Esercitarsi aumenta la richiesta metabolica del tuo corpo, e il tuo corpo potrebbe non essere in grado di farcela. Non lo sappiamo ancora”, dice il dottor Posina.

    Infine, resisti: se ti senti a disagio ma i tuoi sintomi non stanno virando verso il regno della gravità, probabilmente tornerai a te stesso in una o due settimane, secondo la Johns Hopkins Medicine.

    Recupero in ospedale

    C’è meno di un quadro generale chiaro per i pazienti che necessitano di ricovero, sia per il dottor Posina che per il dottor Cucuzzella. Ciò di cui avrai bisogno per stare meglio dipende da fattori come i livelli di ossigeno e altre complicazioni che sviluppi (come la polmonite) e da eventuali condizioni coesistenti che potresti già avere.

    In definitiva, le linee guida per il trattamento del COVID-19 sono ancora in evoluzione e molti singoli ospedali stanno formulando i propri piani, afferma la dott.ssa Posina.

    Poiché non esiste una cura, l’obiettivo del tuo team di assistenza è gestire i sintomi mentre il tuo sistema immunitario combatte il virus. Probabilmente ti verrà somministrato ossigeno supplementare se i tuoi livelli di ossigeno sono bassi; ai pazienti che sviluppano gravi problemi di respirazione può essere necessario indossare ventilatori. La tua respirazione sarà monitorata regolarmente e ti verranno somministrati liquidi per via endovenosa per prevenire la disidratazione.

    Il tempo di recupero totale per un caso grave di COVID-19 può richiedere 6 settimane o più.

    Potresti anche ricevere trattamenti farmacologici che stanno rapidamente diventando più standard, tra cui:

    • Remdesivir: il farmaco antivirale viene somministrato regolarmente, poiché i risultati preliminari pubblicati a maggio 2020 sul New England Journal of Medicine hanno dimostrato che riduce i tempi di recupero da 15 a 11 giorni nei pazienti richiedendo ossigeno supplementare.
    • Desametasone: un corticosteroide comunemente usato, è diventato il farmaco di riferimento per combattere l’insufficienza polmonare grave, poiché è stato dimostrato che riduce il rischio di morte. Il desametasone è noto per la sua capacità di ridurre l’infiammazione e sopprimere la funzione immunitaria iperattiva e il National Institutes of Health (NIH) lo consiglia per i pazienti che richiedono ventilatori o ossigeno supplementare.
    • Anticoagulanti o fluidificanti del sangue: in alcuni casi gravi, è stato riscontrato che COVID-19 causa pericolosi coaguli di sangue nei polmoni, quindi è probabile che ti venga somministrato un anticoagulante come il warfarin come misura preventiva, per il NIH.

    I tuoi medici probabilmente ti manderanno a casa una volta che la febbre si sarà interrotta e la tua respirazione sarà tornata alla normalità, secondo le indicazioni provvisorie del CDC di luglio 2020. Questi sono due segni che suggeriscono che il tuo corpo è in via di guarigione. In alcuni casi, potrebbe anche essere necessario risultare negativo al virus. Chiedi al tuo team di assistenza quali sintomi tenere d’occhio dovrebbero spingerti a cercare nuovamente assistenza medica.

    Leggi anche  Le cadute sono in aumento negli anziani. Ecco 5 modi per prevenirli

    Dopodiché, l’obiettivo dovrebbe essere quello di recuperare lentamente le forze e tornare a funzionare normalmente, il che potrebbe richiedere alcune settimane, mesi o anche di più, a seconda della gravità delle complicazioni e della durata del ricovero in ospedale.

    “I giorni in cui ci si sdraia a letto influiscono sul sistema cardiovascolare e sul funzionamento muscolare”, spiega il dottor Cucuzella. “Se sei in grado di svolgere le attività della vita quotidiana, non hai bisogno di una terapia specializzata. Ma se sei molto debole, potresti aver bisogno di terapia fisica o assistenza per tornare a essere indipendente”.

    E quando finalmente ti sentirai di nuovo te stesso? I tempi variano ampiamente, ma il tempo di recupero totale per i casi gravi di COVID-19 può richiedere sei settimane o più, secondo la Johns Hopkins Medicine.

    Quando puoi stare con le persone?

    Insieme ad altri marker, un risultato negativo del test COVID-19 può segnalare che puoi stare in sicurezza con gli altri senza diffondere il virus. Image Credit: zstockphotos / iStock / GettyImages

    Parte del recupero da COVID-19 significa isolarsi il più possibile per evitare di diffondere il virus ad altri, secondo il CDC. Se sei stato ricoverato in ospedale, chiedi al tuo team di assistenza quando sarà sicuro per te essere di nuovo vicino alle persone. Altrimenti, una volta che i sintomi si sono completamente attenuati, è generalmente OK uscire dalla quarantena.

    Ti consigliamo di fare riferimento alla lista di controllo del CDC per confermare che sei a posto. Puoi stare con altre persone dopo aver incontrato tutti e tre questi benchmark:

    • Nessuna febbre per almeno 3 giorni.
    • I suoi sintomi respiratori (tosse e difficoltà respiratorie) sono migliorati.
    • Sono passati almeno 10 giorni dall’inizio dei sintomi.

    In alcuni casi il medico potrebbe consigliare di sottoporsi a un nuovo test. Se è così, è sicuro stare con gli altri quando non hai febbre, i tuoi sintomi respiratori stanno migliorando e hai ottenuto due risultati negativi del test a distanza di almeno 24 ore, secondo il CDC.

    E se continui a risultare positivo dopo il recupero?

    Sì, può succedere. Le persone che risultano ancora positive dopo essere migliorate non sono contagiose (e probabilmente hanno anticorpi per proteggerle dall’ammalarsi di nuovo, almeno a breve termine), secondo una ricerca del maggio 2020 pubblicata dai Korea Centers for Disease Control. In questi casi, sembra che i test stiano rilevando materiale virale morto che è ancora presente nel corpo di una persona, ma non è effettivamente in grado di far ammalare qualcun altro.

    Gli esperti qui, incluso il CDC, sono d’accordo. “Essere guariti non significa che devi avere un test negativo. Una volta che hai superato i 14 giorni di quarantena e i tuoi sintomi sono scomparsi, presumo che tu sia guarito “, dice il dottor Posina.

    Affrontare lo stigma dell’essere malati

    Anche quando starai meglio, potresti sentirti come se stessi andando in giro con una grande C scarlatta sul petto. Sebbene sia opinione comune che sia OK stare con gli altri dopo che ti sei completamente ripreso, anche se continui a risultare positivo, potresti scoprire che gli altri sono strani nell’essere intorno a te .

    Nonostante le prove dimostrino il contrario, i familiari o gli amici potrebbero ancora temere che tu possa farli ammalare. Poi c’è l’intera domanda sul perché hai il COVID-19 in primo luogo: non ti sei lavato abbastanza le mani? Non indossi una maschera? Stai troppo vicino a qualcun altro al supermercato quella una volta ? Alcune persone potrebbero anche dire che ti sei ammalato perché non hai giocato secondo le regole. In altre parole, te lo sei meritato.

    Leggi anche  I 7 migliori prodotti per il ciclo per mestruazioni più gestibili

    Questo tipo di stigma non è giusto, ovviamente. Ma è ancora terribile e può essere difficile da elaborare. Inizia ricordando a te stesso che non c’è niente di “sbagliato” nell’ottenere COVID-19. “Questa è un’infezione che chiunque e tutti possono contrarre. È difficile prevenirla”, dice il dottor Posina.

    Prova anche a considerare le prospettive degli altri. “Riconosci che lo stigma è guidato dalla paura a causa della mancanza di comprensione, quindi cerca di non prenderlo sul personale”, raccomanda Gail Saltz, MD, professore associato di psichiatria presso il NY Presbyterian Hospital Weill-Cornell School of Medicine.

    E continua ad essere aperto sulla tua storia. “Più parliamo sia delle informazioni scientifiche che delle proprie esperienze personali, più lo stigma generale diminuirà”, dice.

    Post-recupero: qual è il passo successivo?

    Poiché COVID-19 è ancora così nuovo, gli esperti non sanno molto su come il virus potrebbe influire sulla salute di una persona a lungo termine. Non mancano i rapporti che notano persone che continuano a manifestare sintomi residui per settimane o mesi. Molti pazienti, specialmente quelli con sintomi gravi, continuano ad avere problemi di compromissione polmonare, secondo i risultati di giugno 2020 pubblicati sulla rivista Respiratory Research .

    Questo non vuol dire che tutti coloro che contraggono il virus avranno problemi di salute per sempre. Lontano da esso. “La maggior parte delle persone non avrà difficoltà a riprendersi, come con qualsiasi altro virus”, dice il dottor Cucuzzella. “Ma tra un anno potremmo avere alcuni dati reali sui potenziali impatti sulla salute a lungo termine. Per ora, non sappiamo cosa non sappiamo”. A breve termine, ecco alcuni passaggi da compiere.

    Continua Best practice per COVID-19

    Cerca di prenderti cura di te stesso come meglio puoi. Sebbene sia improbabile che tu venga reinfettato a breve termine, non sappiamo se puoi prendere un altro round di COVID-19 in seguito, secondo il CDC. Ecco perché è così importante continuare a distanziarsi fisicamente, indossare una maschera e lavarsi le mani, sia per proteggere te stesso che gli altri, dice il dottor Cucuzella.

    Ottieni supporto

    Se l’ansia per la tua salute futura inizia a diventare opprimente, non esitare a contattare un professionista della salute mentale o gli ospedali locali. Alcuni ora gestiscono gruppi di supporto virtuali per persone che hanno avuto o stanno attualmente attraversando COVID-19. Parlare con altre persone che sanno cosa hai passato può aiutarti a sentirti più supportato.

    Lettura correlata

    La tua guida passo passo all’avvio della teleterapia

    Dona il tuo plasma

    Infine, considera i modi in cui potresti essere in una posizione unica per aiutare gli altri. I ricercatori stanno attualmente studiando come il plasma (la parte liquida del sangue) di coloro che si sono ripresi da COVID-19 potrebbe essere utilizzato per aiutare coloro che sono attualmente malati.

    “Quello che stiamo facendo è dare ai pazienti gli anticorpi [da persone che non sono più malate] per vedere se quegli anticorpi possono combattere l’infezione”, dice il dottor Posina. “Non abbiamo dati sufficienti per dire se funziona al 100%, ma ho visto pazienti che sono migliorati dopo aver ricevuto plasma”.

    Donare il plasma è facile come donare il sangue e, se sei stato privo di sintomi per 14 giorni, probabilmente sei idoneo, secondo la Food and Drug Administration degli Stati Uniti. (Non è necessario un risultato negativo del test.) Per sapere dove dare vicino a te, visita RedCrossBlood.org o il National COVID-19 Convalescent Plasma Project.

    Preoccupato per COVID-19?

    Leggi altre storie per aiutarti a navigare nella nuova pandemia di coronavirus:

    • 5 scambi di cibi sani per aiutare a sostenere il tuo sistema immunitario
    • Va bene allenarsi quando sei malato? Ecco come dirlo
    • I 7 cibi migliori da mangiare quando si ha la febbre e 3 da evitare