More

    Esercizi per il linfedema alle gambe

    -

    Una routine di allenamento regolare può aiutarti a perdere i chili in più e mantenere un peso sano. Credito immagine: satamedia / iStock / GettyImages

    Quando il tuo sistema linfatico non è in grado di far circolare correttamente i fluidi nel tuo corpo, puoi sviluppare il linfedema. Mentre questa condizione non ha una cura, gli esercizi per le gambe di linfedema possono aiutare.

    Consulta il tuo medico per una diagnosi accurata prima di eseguire questi esercizi. L’edema delle gambe può anche essere causato da determinati alimenti o condizioni più gravi non correlate al sistema linfatico, come insufficienza cardiaca congestizia, insufficienza renale acuta o coaguli di sangue. Ognuno di questi problemi richiede un piano di trattamento specifico.

    Leggi di più: Come ridurre le gambe e i piedi gonfi

    Comprendi le tue condizioni

    Il linfedema può derivare da uno sviluppo anormale del sistema linfatico o da un’altra condizione o procedura medica, come un intervento chirurgico, una radiazione o un’infezione, secondo la Mayo Clinic. Si verifica spesso dopo la rimozione chirurgica dei linfonodi – strutture in tutto il corpo che contengono globuli bianchi per aiutare a combattere le malattie e le infezioni. I linfonodi vengono talvolta rimossi durante l’intervento chirurgico per il cancro.

    Oltre al grave gonfiore, il linfedema provoca anche dolore doloroso, ridotta gamma di movimento, “pesantezza” dell’arto interessato, infezioni ricorrenti e indurimento della pelle. Questo disturbo cronico è classificato in più fasi, da 0 a 3, come descritto in un articolo di giugno 2017 pubblicato da Journal of Surgery turco.

    Il linfedema allo stadio 0 viene diagnosticato quando il sistema linfatico è stato danneggiato, ma il gonfiore non si è ancora verificato. Lo stadio 1 è caratterizzato da edema che scompare quando l’arto è elevato. Al primo risveglio, la gamba potrebbe avere dimensioni normali. La gravità inizia a spingere fluido nella gamba quando ti alzi e ti muovi.

    Il linfedema di stadio 2 viene diagnosticato quando il gonfiore aumenta significativamente le dimensioni della gamba e diventa “spugnoso” al tatto. La pelle può iniziare a indurirsi anche in questa fase.

    Il linfedema di stadio 3 è caratterizzato da pelle fibrotica o indurita. Il gonfiore in questa fase è irreversibile e può essere trattato solo con un intervento chirurgico.

    Trattamento per linfedema

    Trattare il tuo linfedema non è così semplice come fare solo esercizi per le gambe. Il trattamento del linfedema è multiforme e gestito al meglio sotto la diretta supervisione di un terapista fisico o occupazionale specializzato. Nel tempo, puoi gestire le tue condizioni da solo.

    Il trattamento per il linfedema si svolge in due fasi, come descritto dal Centro di assistenza sanitaria UNC per le cure riabilitative. La fase uno, la fase intensiva, è completata mentre sotto la cura di un terapeuta. Durante questa fase, il terapista eseguirà una tecnica chiamata Drenaggio linfatico manuale (MLD), avvolgerà la gamba con bendaggi multistrato o ti calerà con indumenti compressivi e ti insegnerà esercizi per aiutarti con il drenaggio linfatico.

    Leggi anche  I vantaggi del Pistol Squat

    Nella seconda fase, gestisci il gonfiore da solo, con controlli periodici con il tuo medico. Le bende o gli indumenti a compressione vengono generalmente indossati ogni volta che l’arto interessato si trova in una posizione dipendente dalla gravità – come in piedi o seduto – quando la condizione influisce sulle gambe.

    Secondo una recensione di giugno 2017 pubblicata su Diario di linfedema, molti medici raccomandano di indossare bende o indumenti compressivi durante il giorno e di rimuoverli di notte. In casi gravi, potrebbe essere necessario indossarli sempre, tranne quando si fa il bagno. In entrambi i casi, è particolarmente importante indossare gli indumenti durante l’allenamento.

    Leggi di più: Cosa posso mangiare o bere per ridurre il gonfiore di piedi e caviglie?

    Un programma di esercizi di linfedema dovrebbe includere attività aerobiche (cardiovascolari) nonché esercizi delicati per migliorare la flessibilità e la gamma di movimento. Consultare il proprio medico o terapista per assicurarsi che questi esercizi siano sicuri per voi.

    Gli esercizi aerobici possono aiutare

    L’obesità è stata collegata al peggioramento dei sintomi del linfedema, secondo l’UNC. Una routine di allenamento regolare può aiutarti a perdere i chili in più e mantenere un peso sano.

    Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, un minimo di 150 minuti di attività aerobica di intensità moderata o 75 minuti di attività aerobica di intensità vigorosa dovrebbero essere eseguiti ogni settimana per mantenere un peso sano. Aumenta questo numero se stai cercando di dimagrire.

    Le attività di intensità moderata possono includere camminate veloci, andare in bicicletta a un ritmo informale o persino fare lavori in giardino. Le attività di intensa intensità possono includere jogging o corsa, salto della corda, sci di fondo e pattinaggio a rotelle. Tuttavia, queste attività potrebbero essere piuttosto difficili se hai un linfedema significativo nelle tue gambe.

    L’esercizio aerobico a basso impatto, come il ciclismo fisso o l’uso di un trainer ellittico, può ridurre la pressione attraverso le articolazioni delle gambe se sono affette da linfedema. Se il posizionamento delle gambe direttamente sotto di te o in piedi sulle gambe interessate è doloroso, prova a utilizzare uno stepper o una cyclette sdraiati, come dimostrato da ExRx.net.

    L’esercizio fisico in acqua può ridurre la quantità di peso sulle gambe e la pressione sulle articolazioni, migliorando al contempo la salute del cuore. Considerando l’aerobica in acqua, il jogging in acque profonde o i giri di nuoto come parte della routine di allenamento.

    Leggi anche  7 posizioni yoga intermedie per portare la tua pratica al livello successivo

    avvertimento

    Il gonfiore allunga la pelle e aumenta il rischio di danni alla pelle. La pelle lesa che è affetta da linfedema spesso guarisce male. Per evitare l’infezione, assicurarsi che la pelle sia intatta prima di partecipare alle attività acquatiche.

    Esercizi per le gambe del linfedema per la mobilità

    La gamma di esercizi di movimento può aiutare a ridurre la rigidità delle articolazioni colpite dal linfedema. La contrazione dei muscoli delle gambe aiuta anche a pompare il liquido in eccesso fuori dalla zona.

    Esegui questi esercizi in un intervallo indolore, più volte al giorno. Inizia con 10 ripetizioni per ogni mossa, lavorando fino a tre serie di fila.

    Sposta 1: Caviglia ABC

    1. Siediti su una superficie elevata con il piede sollevato da terra.
    2. Disegna l’alfabeto con il piede, conducendo con l’alluce. Rendi le lettere più grandi che puoi, senza permettere al ginocchio di muoversi.

    Sposta 2: Cerchi alla caviglia

    1. Ruota la caviglia 10 volte in senso orario.
    2. Ripetere in senso antiorario.

    Sposta 3: Flessione / estensione del ginocchio

    1. In posizione seduta, piega il ginocchio sotto la sedia il più possibile senza muovere la parte superiore del corpo.
    2. Raddrizza completamente il ginocchio mentre stringi i muscoli sulla parte superiore della coscia.

    Sposta 4: Sollevamento gamba dritta

    1. Sdraiati sulla schiena con le gambe dritte.
    2. Tenendo il ginocchio dritto, sollevare la gamba destra verso il soffitto.
    3. Abbassa lentamente indietro e ripeti dalla parte opposta.

    Se l’esercizio di sollevamento della gamba dritta disturba la parte bassa della schiena, piega un ginocchio mentre sollevi la gamba opposta.

    Prova esercizi decongestionanti

    Gli esercizi decongestionanti, come spiegato dal Wexner Medical Center della Ohio State University, sono una parte importante della gestione del linfedema. A differenza del sistema cardiovascolare, in cui il cuore fa circolare il sangue in tutto il corpo, il sistema linfatico non ha una pompa integrata. Invece, si basa sulla contrazione muscolare per aiutare a spostare i liquidi in eccesso fuori dalla parte inferiore della gamba.

    Esegui da tre a cinque ripetizioni di ciascuno dei seguenti esercizi e eseguili in ordine. Ripeti questi esercizi due o tre volte al giorno.

    Sposta 1: Respirazione addominale o diaframmatica

    1. Sdraiati sulla schiena su una superficie solida.
    2. Piega le ginocchia e posiziona i piedi sul pavimento.
    3. Metti una mano sul petto e l’altra sulla parte inferiore dell’addome, proprio sotto l’ombelico.
    4. Inspirare lentamente attraverso il naso e riempire la pancia di aria. Solo la mano sul tuo addome dovrebbe alzarsi.
    5. Soffia lentamente l’aria attraverso le labbra increspate, come se stessi cercando di fischiare.
    Leggi anche  I 5 esercizi per la parte superiore del corpo più difficili che puoi fare con una mini band

    Sposta 2: Inclinazione pelvica

    1. Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate e i piedi sul pavimento.
    2. Appoggia le mani sulle ossa dei fianchi, appoggiando la punta delle dita sui lati dell’addome.
    3. Stringi i muscoli addominali inferiori come se stessi spingendo l’ombelico verso il basso verso la colonna vertebrale. Dovresti sentire i muscoli sotto la punta delle dita serrati.
    4. Tenere premuto per un conteggio lento di dieci, quindi rilassarsi.

    Sposta 3: Sit-up parziale

    1. Inizia nella posizione di esercizio della respirazione addominale.
    2. Inspira nel tuo ventre.
    3. Espira lentamente, sollevando la testa e le spalle da terra, allungando le mani in avanti.
    4. Parte bassa della schiena verso il basso e ripetere.

    Sposta 4: Rotazione cervicale

    1. Siediti dritto e stringi le scapole insieme.
    2. Inspira e ruota la testa verso destra per un conteggio lento di cinque, guardando sopra la spalla.
    3. Espirare e tornare al centro.
    4. Ripeti a sinistra.

    Sposta 5: Inclinare la testa

    1. In posizione seduta, guardare dritto.
    2. Inclina l’orecchio destro verso la spalla destra.
    3. Ritorna in posizione verticale, quindi ripeti a sinistra.

    Sposta 6: Scrolla le spalle

    1. Alza le spalle verso le orecchie, il più in alto possibile.
    2. Tenere premuto per 5 secondi, quindi rilassarsi.

    Sposta 7: Rotoli di spalla

    1. Siediti dritto con le braccia appoggiate ai fianchi.
    2. Ruota entrambe le spalle avanti e indietro, dieci volte ciascuna.

    Sposta 8: Scivoli sul tallone

    1. Sdraiati sulla schiena con le gambe dritte.
    2. Piega il ginocchio destro, facendo scivolare il tallone verso i glutei.
    3. Scorri lentamente verso il basso.
    4. Ripeti dalla parte opposta.

    Sposta 9: Ginocchiere

    1. Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate e i piedi sul pavimento.
    2. Mantenendo il ginocchio destro fermo, abbassare lentamente il ginocchio sinistro lateralmente. Mantieni il piede sinistro piantato a terra durante tutto il movimento.
    3. Ripeti a destra.

    Sposta 10: Scivoli per le gambe

    1. Sdraiati sulla schiena con le gambe dritte.
    2. Tenendo le dita dei piedi rivolte verso il soffitto e il ginocchio, fai scivolare la gamba destra di lato.
    3. Ritorna lentamente alla posizione di partenza e ripeti dalla parte opposta.

    Sposta 11: Pompe alla caviglia

    1. Punta le dita del piede verso il suolo come se stessi premendo un pedale dell’acceleratore.
    2. Tirare indietro le dita dei piedi il più lontano possibile. Dovresti sentire un leggero allungamento nel polpaccio durante questo movimento.

    Sposta 12: Caviglia Eversion / Inversion

    1. Ruota le caviglie verso l’interno, portando le piante dei piedi l’una verso l’altra.
    2. Ruota le caviglie verso l’esterno, allontanando le piante dei piedi l’una dall’altra.

    Sposta 13: Allarga le dita dei piedi

    1. Allarga le dita dei piedi, per quanto possibile.
    2. Riuniscili e piegali sotto.