More

    Effetti collaterali della vitamina B: orticaria, rash e calore

    -

    Troppa vitamina B può causare reazioni allergiche. Credito immagine: Suwanmanee99 / iStock / GettyImages

    Le vitamine del complesso B svolgono un ruolo chiave nel metabolismo energetico e nella salute del cervello. Tuttavia, possono causare effetti avversi, specialmente nelle persone con allergia alla vitamina B. Le reazioni comuni possono includere un’eruzione di vitamina B, orticaria e orticaria. Nello scenario peggiore, questi nutrienti possono portare all’anafilassi.

    Mancia

    Gli integratori alimentari e le iniezioni contengono grandi dosi di vitamine del gruppo B, che possono aumentare il rischio di effetti collaterali e reazioni allergiche.

    Perché sono importanti le vitamine del gruppo B.?

    Le organizzazioni Heath di tutto il mondo raccomandano il consumo di verdure a foglia verde, cereali integrali, noci, semi e uova. Questi alimenti sono ricchi di micronutrienti, in particolare vitamine del complesso B. I prodotti a base di cereali, ad esempio, vantano grandi dosi di acido folico, niacina, tiamina e riboflavina. L’USDA riferisce che una tazza di segale grezza fornisce più di un terzo del valore giornaliero (DV) di riboflavina, il 45 percento del DV di niacina e quasi la metà del DV di acido pantotenico.

    Queste vitamine idrosolubili regolano il metabolismo cellulare, tra le altre funzioni. Il tuo corpo ha bisogno di loro per abbattere il glucosio e altri nutrienti alimentari. La riboflavina, ad esempio, è un componente di due coenzimi che supportano la produzione di energia e il metabolismo lipidico. La piridossina, o vitamina B6, aiuta il corpo a sintetizzare gli aminoacidi e creare neurotrasmettitori.

    Un’altra vitamina essenziale è la B12. Circa l’1,5-15 percento degli americani sono carenti di questo nutriente, come riportato dal National Institutes of Health. Affaticamento, costipazione, anemia, depressione e problemi di memoria sono tutti effetti collaterali comuni di bassi livelli di vitamina B12 nel flusso sanguigno. Questo nutriente si trova principalmente negli alimenti per animali, quindi i vegani e i vegetariani hanno maggiori probabilità di sviluppare carenze.

    Leggi di più: Benefici ed effetti collaterali della vitamina B12

    Leggi anche  L'aceto di mele può aiutare la digestione?

    Come accennato, le vitamine del complesso B sono solubili in acqua. L’eccesso viene eliminato nelle urine. In rari casi, possono verificarsi reazioni allergiche e ipervitaminosi o tossicità vitaminica. Troppa vitamina B6, ad esempio, può causare intorpidimento, disturbi digestivi, gravi lesioni cutanee e scarso controllo muscolare, secondo la Mayo Clinic.

    Sintomi di allergia alla vitamina B.

    Alcune vitamine del gruppo B possono causare reazioni allergiche, da prurito e orticaria a vesciche e gonfiore. Una recensione pubblicata sulla rivista Allergology International nell’agosto 2017 afferma che la tiamina è la vitamina più allergenica. Questo nutriente supporta la crescita e lo sviluppo delle cellule, mantiene il cervello sano e aiuta nella conversione del glucosio in energia.

    La recensione di cui sopra descrive il caso di una donna di 50 anni che ha sviluppato reazioni allergiche dopo aver ricevuto i colpi di vitamina B. I suoi sintomi, tra cui arrossamento del viso, gonfiore e orticaria, si sono verificati 30 minuti dopo. I test cutanei hanno dimostrato che era allergica alla vitamina B1 o alla tiamina.

    I ricercatori sottolineano che la tiamina iniettabile ha maggiori probabilità di causare effetti collaterali rispetto alla somministrazione orale. In rari casi, coloro che sono allergici a questa vitamina B possono sperimentare gravi reazioni allergiche, come l’anafilassi. Altri potenziali effetti collaterali includono prurito, respiro sibilante e difficoltà a deglutire.

    Anche la vitamina B12 può causare reazioni allergiche, secondo un caso clinico del maggio 2018 descritto in Cureus. Una donna vegana di 55 anni ha ricevuto diversi colpi B12 per sette settimane consecutive. I suoi sintomi si sono manifestati durante la seconda settimana e includevano problemi respiratori, mal di stomaco, distensione addominale, orticaria, prurito e gonfiore della lingua.

    Ha ricevuto un trattamento per questi sintomi e ha iniziato a prendere la vitamina B12 per via orale la settimana successiva, senza riscontrare effetti collaterali.

    La vitamina B12 iniettabile può contenere impurità e conservanti con potenziale allergenico. Pertanto, comporta rischi più elevati rispetto alla forma orale. È interessante notare che i sintomi di allergia alla vitamina B possono verificarsi dopo mesi o addirittura anni di trattamento, secondo la Allergology International revisione.

    Leggi anche  Sì, gli integratori di ferro possono rendere la cacca nera. Ecco perché

    Neanche la biotina, un’altra vitamina B, è più sicura. Questo nutriente viene spesso aggiunto agli integratori per la crescita dei capelli e alle soluzioni topiche. È anche commercializzato per la sua capacità di rafforzare le unghie e migliorare l’aspetto della pelle. In rari casi, può causare orticaria, rash cutaneo lieve, sintomi gastrointestinali e gonfiore del viso, secondo il Michigan Medicine.

    Leggi di più: 10 fatti che devi sapere sulle allergie alimentari

    Altri potenziali effetti collaterali

    Le vitamine del complesso B possono causare reazioni avverse se utilizzate in dosi elevate. In generale, i colpevoli sono gli integratori di vitamina B..

    Gli integratori di niacina, ad esempio, sono prescritti per il colesterolo alto. Una dose tipica è da 1 a 2 grammi al giorno – è molto più della dose giornaliera raccomandata (15 milligrammi). Tali dosi possono produrre una sensazione di calore in tutto il corpo, specialmente sul viso. Questo effetto collaterale è noto come a vampata di niacina.

    Praticamente ogni persona che assume grandi dosi di niacina può sperimentare arrossamenti intensi, secondo il British Columbia Drug and Poison Information Centre (BC DPIC). Questo sintomo si verifica in genere circa 15-30 minuti dopo l’assunzione di integratori di niacina. Tuttavia, è solo un fastidio e non rappresenta alcun pericolo.

    Gli integratori di niacina a rilascio immediato hanno maggiori probabilità di causare arrossamenti. Se si verifica questo effetto collaterale, considerare di passare a una formula a rilascio prolungato. Gli esperti del BC DPIC raccomandano inoltre di aumentare gradualmente la dose, assumendo compresse di niacina con il cibo o aggiungendo aspirina alla miscela. Queste semplici misure possono aiutare a ridurre i sintomi.

    Leggi di più: 43 Supplementi esposti: quali considerare, quali evitare

    Leggi anche  Lottando con il bruciore di stomaco? Mangiare più di questo nutriente può aiutare

    Uno studio pubblicato nel Journal of Clinical Lipidology a marzo-aprile 2013 suggerisce di assumere la pectina di mele per ridurre l’intensità del rossore indotto dalla niacina. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare la sua efficacia. Pectina è una fibra alimentare che si trova naturalmente nelle mele e negli agrumi. È disponibile anche in forma di supplemento.

    Altri effetti collaterali delle vitamine del complesso B possono includere aumento della pressione sanguigna, visione sfocata, alterazioni del colore delle urine e disagio digestivo. Maggiore è il dosaggio, maggiore è il rischio. Ad esempio, grandi dosi di acido nicotinico, una forma supplementare di niacina, può causare tossicità epatica. L’ingestione di grandi quantità di vitamina B6 può causare danni al cervello e al sistema nervoso.

    È improbabile che verdure, cereali integrali, carne, uova e altri alimenti ricchi di vitamine del gruppo B influiscano sulla salute. Rispetto agli integratori e alle iniezioni, sono significativamente più bassi nella vitamina B..

    L’USDA riferisce che la farina d’avena, ad esempio, fornisce il 15 percento del DV di tiamina, il 4 percento del DV di folati e il 3 percento del DV di niacina per porzione (una tazza). I broccoli cotti vantano il 42 percento del DV di folati, il 18 percento del DV di vitamina B6 e il 15 percento del DV di tiamina per porzione (una tazza). Ogni porzione di salmone (3 once) eroga il 114 percento del DV di vitamina B12, il 46 percento del DV di niacina e il 32 percento del DV di vitamina B6.

    Il tuo medico è l’unico che può dire se hai bisogno o meno di integratori alimentari. Per stare al sicuro, consulta il tuo medico prima di scoppiare le pillole, in modo da poter ottenere una formula che soddisfi le tue esigenze individuali e abbia effetti collaterali minimi o assenti.