More

    Cosa mangiare per l’energia prima di una partita di calcio

    -

    Mangiare prima di una partita di calcio è un affare serio. I giocatori devono avere energia sufficiente per durare ovunque tra 48 minuti – durante le partite delle scuole superiori – e 60 minuti – durante i giochi universitari e professionali. I giocatori sono tenuti a spendere la massima energia per 50 a 75 giochi a partita e devono avere le riserve di energia per eseguire questo compito. Poiché il calcio richiede così tante esplosioni di energia durante il gioco, l’assunzione di carboidrati è fondamentale per ottenere il massimo dalle tue prestazioni mantenendo la tua salute.

    I giocatori di football devono alimentare adeguatamente il proprio corpo prima di giocare una partita competitiva.

    Assunzione di carboidrati

    Il corpo può immagazzinare il carburante presente nei carboidrati e usarlo durante il gioco quando si gioca a calcio. Secondo il dott. Leslie Bonci, il direttore della nutrizione sportiva presso il Medical Center dell’Università di Pittsburgh e un consulente nutrizionale per i Pittsburgh Steelers, ritiene che il 55-60 percento della dieta del giorno di gioco di un calciatore dovrebbe provenire da carboidrati, il 15 percento dovrebbe arrivare dalle proteine ​​e il 30 percento dovrebbe provenire dai grassi. Bonci afferma che un pasto del giorno di gioco dovrebbe assomigliare a un “segno di pace”, perché sarà 1/3 di proteine, 1/3 di amido e 1/3 di frutta e verdura. Le fonti proteiche possono essere pesce, pollo o carne rossa, le fonti di carboidrati dovrebbero essere riso, pasta o patate e frutta e verdura possono essere qualsiasi cosa sia fresca. Mangiare carboidrati sani può essere la chiave per un giocatore che mantiene i livelli di peso ed energia corretti. “Sottolineo gli alimenti contenenti carboidrati a basso contenuto di grassi: bagel su ciambelle, purè di patate su patatine fritte, pollo grigliato su fritto, yogurt gelato su gelato”, dice Bonci. “Spiego che aumentare la quantità di carboidrati nella loro dieta fornirà loro più energia disponibile durante la pratica e i giochi. E meno cibi fritti spesso diminuiscono la possibilità di mal di stomaco, il che può anche migliorare le prestazioni.”

    Leggi anche  9 cose incredibili che l'esercizio fisico può fare per te dopo i 50 anni

    Pregame Nutrition

    Il pasto pregame è stato tradizionale nel calcio. Il team si riunisce per mangiare insieme e condividere l’esperienza. In passato, i pasti carichi di grassi erano comuni, ma ora c’è più di un’enfasi sul mantenimento dei pasti più sani e sulla de-enfatizzazione dell’assunzione di grassi. Gli alimenti ad alto contenuto di grassi impiegano più tempo a digerire, quindi ciò può significare che il giocatore può scendere in campo sentendosi pieno e pesante prima dell’inizio di una partita. “Ridurre al minimo gli alimenti ad alto contenuto di grassi come carni fritte, patate fritte, pancetta e salsiccia a favore di proteine ​​e carboidrati più magri come pane, cereali e toast”, consiglia Bonci.

    Pasti tipici pre-partita

    Dai ai tuoi giocatori una scelta di cibo da mangiare prima della partita. I sottotitoli di tacchino o prosciutto possono essere tra le scelte e assicurarsi che abbiano anche macedonia di frutta e yogurt gelato. Le uova con waffle, prosciutto e frutta possono essere la colazione ideale prima di una partita. Puoi servire la pasta con una salsa a base di pomodoro insieme a pollo alla griglia, insalata e frutta. Un’altra scelta può includere cereali, frutta e un frullato. Se vuoi la tradizionale bistecca al pregame, aggiungi un filetto da 8 once con pasta o una patata al forno sul lato.

    Idratazione

    È fondamentale rimanere idratati durante il gioco. Al fine di mantenere le prestazioni del corpo a un livello ottimale e non abbattere, mantenere i fluidi fluidi. Devi bere circa 16 once. di un drink sportivo un’ora prima della partita. Bere da 20 a 40 once. di acqua ogni ora del gioco. Pesati dopo la partita. Se hai perso peso, prova a bere 24 once. di liquido per ogni chilo perso.

    Leggi anche  5 modi comuni in cui il tuo rapporto con l'esercizio fisico cambia dopo i 40 anni