More

    Bere tè freddo equivale a bere acqua?

    -

    Addolcisca e aromatizzi naturalmente il tè freddo preparato con frutta ed erbe per una bevanda nutriente.Credito immagine:bhofack2/iStock/GettyImages

    In questo articolo

    • Tè freddo
    • Caffeina nel tè
    • Imbottigliato vs. preparato
    • Rischio di acido ossalico
    • In conclusione

    Il tè freddo è un rinfrescante dissetante con diversi benefici per la salute. Ma se può o meno sostituire l’acqua per l’idratazione dipende da diversi fattori.

    Suggerimento

    Il tè freddo preparato ha benefici per la salute che lo rendono un buon sostituto dell’acqua per alcune esigenze di idratazione. Ma non esageri: faccia attenzione alla caffeina, all’acido ossalico, al sodio e ai dolcificanti aggiunti o agli aromi artificiali.

    Il tè freddo è idratante?

    Il tè freddo può essere un modo rinfrescante per reidratarsi in una calda giornata estiva – a condizione che si scelga un tè freddo preparato senza zuccheri aggiunti o altri additivi ipercalorici.

    Il tè freddo non zuccherato ha zero calorie e una piccola quantità di minerali, come il sodio e il calcio, a seconda dell’acqua utilizzata per preparare il tè. Si può anche condire con un rametto di menta e uno spruzzo di limone, per un’alternativa allettante all’acqua.

    “Il tè freddo può essere considerato una fonte di idratazione, poiché la quantità di caffeina non è eccessiva e il tè è preparato con acqua”, afferma Lisa Andrews, MEd, RD, proprietaria di Sound Bites Nutrition. Oltre a fornire idratazione, il tè freddo ha anche alcuni vantaggi per la salute.

    Il tè nero, verde e bianco (tutti provenienti dalla pianta Camellia Sinensis) sono ricchi di polifenoli, che sono antiossidanti che proteggono il corpo dallo stress ossidativo, secondo un articolo del giugno 2012 in Current pharmaceutical design. Questi composti vegetali sono stati studiati per i loro effetti protettivi contro l’infiammazione, il cancro e le malattie cardiache.

    Leggi anche  Mangiare pane con solo burro sopra è salutare?

    Il tè dolce la disidrata?

    Mentre il tè non zuccherato è idratante, il tè dolce potrebbe avere l’effetto opposto.

    “Quando si beve o si mangia qualcosa di zuccherato, lo zucchero passa dallo stomaco al flusso sanguigno, aumentando la glicemia”, dice Andrews. “L’acqua si sposta dal tessuto cellulare al flusso sanguigno per aiutare a ridurre gli zuccheri nel sangue, il che può portare alla disidratazione”. Ecco perché potrebbe sentire sete dopo aver mangiato o bevuto qualcosa di dolce.

    La caffeina nel tè la disidrata?

    Bere un bicchiere di tè freddo appena fatto può sostituire parte dell’acqua nella sua dieta. Ma, a meno che non beva un decaffeinato, assume anche una piccola quantità di caffeina.

    Ecco un confronto della caffeina presente nel tè nero, nel tè verde e nel caffè.

    Bevanda

    Caffeina per 8 oz.

    Tè nero

    47 mg

    Tè verde

    28 mg

    Caffè

    95 mg

    Fonte(i):USDA

    La caffeina viene spesso incolpata di disidratazione, in quanto induce a fare più pipì, ma in realtà non è stato dimostrato che provochi disidratazione, dice Andrews.

    Uno studio condotto su 50 bevitori abituali di caffè ha rilevato che l’acqua corporea totale (che è un segno di idratazione) rimaneva costante sia che i partecipanti bevessero caffè sia che sostituissero il caffè con una pari quantità di acqua, secondo una ricerca del gennaio 2014 in PLOS One.

    Tè in bottiglia vs. tè preparato

    L’acquisto di tè freddo in bottiglia o in scatola potrebbe non avere gli stessi benefici del tè freddo preparato con le bustine di tè.

    I tè in bottiglia forniscono la stessa quantità di acqua del tè preparato, ma possono anche contenere additivi nascosti come zuccheri, dolcificanti artificiali, aromi o coloranti e sodio extra.

    Leggi anche  Quanto è grave mangiare davvero i gamberi?

    Il tè dolce in bottiglia può avere più di 20 grammi di zuccheri aggiunti per tazza, quasi quanto la stessa quantità di soda. Molti tè in bottiglia contengono anche aromi e coloranti artificiali. Se vuole il suo tè freddo in viaggio, controlli l’etichetta e cerchi di evitare le opzioni con zuccheri aggiunti.

    Suggerimento

    La cosa migliore è preparare il tè a casa e berlo senza dolcificanti. Metta in infusione una bustina di tè in una tazza di acqua calda per 5 minuti per ottenere il massimo degli antiossidanti – otterrà più di 600 milligrammi di polifenoli, secondo Consumer Reports.

    Acido ossalico nel tè

    In un caso, un uomo si è recato in un centro di assistenza sanitaria con debolezza, stanchezza e dolori al corpo. Si è scoperto che era perché beveva circa un litro di tè freddo al giorno, secondo la University of Utah Health. Bere così tanto tè ha causato il malfunzionamento dei suoi reni.

    Il tè nero è ricco di acido ossalico, che si trova naturalmente in molti alimenti. Troppo acido ossalico può accumularsi nei reni, portando alla formazione di calcoli che impediscono ai reni di eliminare i rifiuti dal sangue, secondo un articolo del settembre 2020 pubblicato su Nutrients.

    Bere tè freddo con moderazione è sicuro, ma se è incline ai calcoli renali, potrebbe voler discutere con il suo medico una dieta a basso contenuto di ossalati.

    Dovrebbe quindi bere tè freddo invece di acqua?

    Le persone assegnate alla femmina alla nascita hanno bisogno di circa 11,5 bicchieri di liquidi al giorno, mentre le persone assegnate al maschio alla nascita hanno bisogno di 15,5 bicchieri, secondo la Mayo Clinic. Sebbene il tè freddo non zuccherato possa aiutarla a raggiungere questi obiettivi, è consigliabile bere anche dell’acqua semplice.

    Leggi anche  Vitamina B12 e vitamina D per HPV

    Il tè contiene antiossidanti benefici, ma contiene anche acido ossalico e una quantità eccessiva può contribuire alla formazione di calcoli renali.

    In conclusione: il tè freddo non zuccherato è un ottimo modo per rimanere idratati e può aiutarla a soddisfare il suo fabbisogno giornaliero di idratazione quando è a corto di acqua, ma non lo faccia diventare la sua fonte primaria di liquidi durante la giornata.

    Suggerimento

    Un modo sensato per valutare il proprio fabbisogno di liquidi è quello di bere quando avverte la sete, secondo la Mayo Clinic. L’acqua, il latte, le tisane (che in genere non contengono caffeina) e il tè freddo contano tutti per l’assunzione giornaliera di liquidi.