Qual è la differenza tra un attacco d’ansia e un attacco di panico?

Respirare profondamente può aiutarti a gestire i sintomi di un attacco di panico in corso. Credito di immagini: recep-bg/e+/gettyimages

In questo articolo

  • Definizione di attacco di panico
  • Definizione di attacco d’ansia
  • Cause
  • Come far fronte
  • Gestione a lungo termine

Potresti pensare all’ansia come una questione della mente, ma può diventare fisico. Entra in ansia e attacchi di panico, che possono innescare sintomi come vertigini, nausea e dolore toracico. Ma c’è una differenza tra un attacco d’ansia e un attacco di panico?

Annuncio

Video del giorno

Gli attacchi di panico ricorrenti sono un sintomo caratteristico di una condizione chiamata disturbo di panico. Ma teoricamente, chiunque – con o senza un disturbo d’ansia – può sperimentare un attacco di ansia occasionale (che è davvero solo un altro nome per un attacco di panico).

Anche se i sintomi sono gli stessi (più su questo in seguito), ci sono differenze definite tra questi due tipi di ansia acuta.

Annuncio

Qui, Dillon Hayes, MD, uno psichiatra certificato con bordo con sede a New York, spiega la differenza tra attacchi d’ansia e attacchi di panico, oltre a fornire consigli su come far fronte agli incantesimi di ansia per una migliore salute mentale e benessere.

Attacco di panico contro attacco d’ansia

In breve: la principale differenza tra i due è che gli attacchi di panico sono in genere ricorrenti e associati a un disturbo di panico sottostante, mentre gli attacchi di ansia sono un termine colloquiale per un episodio unico innescato dalla preoccupazione, afferma il dott. Hayes.

Cosa sono gli attacchi di panico?

Il sintomo che definisce una condizione chiamata disturbo di panico, gli attacchi di panico sono “momenti intensi e schiaccianti di stress fisico e psicologico”, afferma il dott. Hayes.

Annuncio

Di solito durano da cinque minuti a mezz’ora, dice. E secondo il National Institute of Mental Health, possono provocare sintomi mentali e fisici come:

  • Cuore martellante o da corsa
  • Sudorazione
  • Brividi
  • Tremito
  • Respirazione difficoltosa
  • Debolezza o vertigini
  • Mani tinly o intorpidite
  • Dolore al petto
  • Dolori di stomaco o nausea
  • Ansia o paura schiaccianti
  • Una sensazione di essere fuori controllo
  • Paura della morte o destino imminente

Annuncio

Alcune persone sperimentano anche dolore al petto, che è comunemente scambiato per un infarto, afferma il dott. Hayes.

Ciò che rende gli attacchi di panico particolarmente debilitante è la loro imprevedibilità. “Sebbene gli attacchi di panico possano essere innescati da paure e fobie specifiche, possono anche verificarsi inaspettatamente e senza preavviso”, afferma il dott. Hayes.

Questa insorgenza improvvisa e incontrollabile può causare un effetto domino dannoso in cui la paura degli attacchi di panico diventa una fonte di ansia, aggiunge.

Leggi anche  I 7 migliori modi per supportare qualcuno quando sono in lutto

Altre condizioni che causano sintomi di attacco di panico

Per la clinica Mayo, le seguenti condizioni di salute possono causare sintomi simili a quelli degli attacchi di panico:

  • Cardiopatia
  • Diabete
  • Problemi tiroidei come l’ipertiroidismo
  • Disturbi respiratori come la malattia polmonare ostruttiva cronica e l’asma
  • Abuso o ritiro di droga
  • Dolore cronico
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Tumori rari
  • Effetti collaterali di alcuni farmaci

Dovresti sempre parlare con il tuo medico quando si verificano sintomi di un attacco di panico. Possono eseguire una valutazione adeguata per escludere eventuali problemi medici sottostanti, afferma il dott. Hayes.

Cosa sono gli attacchi d’ansia?

Ecco la differenza principale tra un attacco di panico e un attacco d’ansia: “Attacco d’ansia” è spesso usato per descrivere attacchi di panico unici o meno frequenti, “sebbene questo non sia un termine ufficialmente riconosciuto”, afferma il dott. Hayes.

In altre parole, la differenza tra ansia e attacchi di panico è la frequenza in cui si verificano.

“L’esistenza di attacchi di panico ricorrenti è necessaria per soddisfare i criteri per la diagnosi di disturbo di panico”, afferma il dott. Hayes. Tuttavia, “È possibile per coloro che hanno un disturbo d’ansia generalizzato (GAD) e altri disturbi d’ansia per sperimentare un attacco di panico occasionale”.

I sintomi degli attacchi d’ansia sono simili agli attacchi di panico e possono includere problemi fisici come mancanza di respiro, palpitazioni cardiache, vertigini e nausea.

La differenza principale tra attacchi d’ansia e attacchi di panico, tuttavia, è ciò che li scintilla.

Come accennato, “gli attacchi di panico non hanno sempre un grilletto ovvio e spesso possono verificarsi di punto in bianco”, afferma il dott. Hayes. “Gli attacchi di ansia, d’altra parte, sono generalmente associati a fonti preesistenti di ansia e preoccupazione.”

Ad esempio: “Qualcuno che sente molto stress per la propria salute o le finanze potrebbe trovarsi in una situazione in cui la loro ansia si intensifica acutamente in un attacco d’ansia”, afferma.

Altri sintomi di GAD

Il dottor Hayes afferma che GAD può produrre sintomi come:

  • Irrequietezza
  • Difficoltà a concentrarsi
  • Fatica
  • Difficoltà a dormire
  • Attacchi di panico occasionali

Cosa causa i disturbi del panico e dell’ansia?

“L’ansia è una normale reazione allo stress”, afferma il dott. Hayes.

Ma a volte, le persone imparano a vivere con ansia a lungo termine, motivo per cui può essere difficile realizzare quando è diventato schiacciante o cronico.

E questo è un problema, perché “quando l’ansia diventa eccessiva e interferisce con il nostro funzionamento, può evolversi in diversi disturbi”, afferma il dott. Hayes. “Il più comune di questi è noto come GAD, che è caratterizzato da paura persistente ed eccessiva e preoccupazione per una vasta gamma di argomenti, tra cui lavoro, scuola, finanze e salute.”

Leggi anche  La differenza tra cura di sé e auto-calmante e come capire quando ne hai bisogno

Tuttavia, l’ansia incontrollata non è l’unica causa di questi disturbi. “Le cause esatte dei disturbi d’ansia non sono completamente comprese, ma probabilmente implicano una combinazione di fattori genetici e fattori scatenanti ambientali come le esperienze di vita stressanti”, afferma il dott. Hayes.

I seguenti fattori possono aumentare le probabilità di sviluppare una condizione di ansia come il disturbo di panico o GAD, secondo la Mayo Clinic:

  • Sperimentare o assistere a traumi o abusi
  • Stressdue a una malattia, perdita, lavoro o finanze
  • Certi tipi di personalità
  • Disturbi della salute altrui come la depressione
  • Afamily Storia dei disturbi d’ansia
  • Uso di droga o alcol/uso improprio o ritiro

Come calmarti durante gli attacchi di panico o ansia

Quando si riscontra un successo acuto di ansia, nel momento può essere terribilmente travolgente. Qui, il Dr. Hayes offre una guida passo-passo per affrontare questi terribili sentimenti in tempo reale.

1. Innanzitutto, siediti e stabilizzati . “Poiché gli attacchi di panico possono comportare intensi sintomi fisici come la mancanza di respiro, le palpitazioni del cuore e le vertigini, è molto importante metterti in una posizione in cui non sei a rischio di cadere accidentalmente”, afferma il dott. Hayes.

2. Concentrati sul tuo respiro. “Respira profondamente e deliberatamente, con lunghe inalazioni ed espira”, afferma il dott. Hayes. Ciò contribuirà a ridurre il livello di eccitazione e comunicare uno stato di calma al tuo corpo.

3. Ricorda che i sentimenti sono temporanei. “Può anche essere molto utile ricordare a te stesso che l’attacco di panico passerà con il tempo, come hanno fatto in passato”, afferma il dott. Hayes.

Ma se questo è il tuo primo attacco di panico, il Dr. Hayes consiglia di cercare cure mediche. “La prima priorità in queste situazioni è quella di escludere un’emergenza medica”, afferma.

6 tipi di esercizi di respirazione che possono aiutare a ridurre lo stress

Byjenn Sinrich

Stressato? Prova il metodo di respirazione 4-7-8 per trovare il tuo zen

Bychristina Vercelletto

Prova la tecnica di respirazione della scatola quando hai bisogno di una pausa di 5 minuti

Bylindsay Tigar

Modi per gestire gli attacchi di panico e ansia a lungo termine

Prevedibile o no, gli attacchi di panico non devono dettare la tua salute mentale. Ecco alcune strategie basate su evidenza per aiutarti a prevenire (o meglio gestire) episodi acuti di ansia.

1. Ottieni aiuto

Non dovresti affrontare l’ansia debilitante da solo.

Leggi anche  8 domande da porre a un nuovo terapeuta

“Quando si soffre di qualsiasi disturbo d’ansia, è sempre meglio lavorare con un professionista per assicurarti la diagnosi corretta e un piano di trattamento adeguato”, afferma il dott. Hayes.

Alcune forme di terapia di conversazione, come la terapia cognitiva comportamentale (CBT), sono particolarmente efficaci in quanto possono darti gli strumenti pratici necessari per mitigare l’ansia e lo stress che producono attacchi di panico.

“Le terapie come la CBT possono aiutare le persone a comprendere e gestire non solo i loro pensieri, ma anche le emozioni e i comportamenti associati”, afferma il dott. Hayes.

In alcuni casi, “i farmaci da prescrizione come antidepressivi e agenti anti-ansia possono anche essere utili per alleviare i sintomi angoscianti”, afferma il dott. Hayes. Sebbene la medicina non sia una cura per l’ansia, può fornire un sollievo a breve termine mentre trovi un terapista per affrontare i tuoi attacchi di panico, aggiunge.

2. Dai la priorità a uno stile di vita sano

“Oltre al trattamento professionale, le modifiche dello stile di vita a casa possono svolgere un ruolo significativo nel migliorare il recupero e nel migliorare il benessere generale”, afferma il dott. Hayes.

Concentrarsi sulla mente e sul benessere del corpo è la chiave. Mangiare cibi nutrienti, esercitarsi regolarmente e dormire di qualità è un ottimo punto di partenza.

Questo perché tutti e tre hanno dimostrato di migliorare l’umore. “Quando queste tre aree chiave della tua vita sono ottimizzate, diventa molto più facile affrontare le cause sottostanti di ansia e disturbo di panico”, afferma il dott. Hayes.

3. Prova la meditazione e il journaling

“La meditazione e il journaling possono anche essere particolarmente utili, in quanto sono entrambe le attività che ci aiutano a sviluppare la capacità di essere più consapevoli dei nostri pensieri”, afferma il dott. Hayes. “Questa maggiore consapevolezza porta a una maggiore visione del modo in cui i nostri pensieri influenzano le nostre emozioni e comportamenti, il che è essenziale quando si lavora per superare i disturbi d’ansia.”

E The Science lo supporta: una recensione di marzo 2014 in JAMA Internal Medicine ha scoperto che i programmi di meditazione della consapevolezza hanno moderatamente migliorato l’ansia.

Allo stesso modo, un piccolo studio di dicembre 2018 in JMIR Mental Health ha dimostrato che il journaling era associato a una riduzione del disagio mentale, dei sintomi depressivi e dell’ansia, insieme ad un aumento del benessere e della resilienza tra le persone con varie condizioni mediche e un’ansia elevata (sebbene siano necessari studi più grandi per stabilire ulteriormente questo collegamento).

Annuncio

I 17 migliori esercizi da fare invece di push-up

Gli esercizi della parte superiore del corpo e del core-come assi e presse toraciche-sono...

Il 5 miglior yoga si pone per il reflusso...

Alcune pose yoga - come la posa del triangolo girevole o la svolta spinale...

27 deliziose ricette di formaggio ricche di proteine

Le ricette con formaggio sono spesso ricche di proteine ​​e calcio. Credito di immagini:...

214 Statistiche del cancro alla prostata che dovresti sapere

I tassi di cancro alla prostata sono più alti tra i neri assegnati al...

8 alimenti che ti fanno sudare, secondo un dietista

Anche il caffè ghiacciato è considerato un alimento che induce il sudore. Credito di...

Vuoi invecchiare bene? Questa mossa del peso corporeo accumula...

Lo scooter Lunge Pilates migliora il tuo equilibrio e il coordinamento rafforzando i tuoi...