More

    La dieta del film “Aquaman” di Jason Momoa – direttamente dal suo allenatore

    -

    Grazie a una combinazione di sollevamento pesi e arrampicata su roccia e alcune modifiche alla sua dieta, Jason Momoa è passato da un normale strappato a un serio distrutto per il suo ruolo da protagonista nel prossimo film di “Aquaman”.

    Il piano alimentare “Aquaman” di Jason Momoa includeva un sacco di pesce. Credito: Kevin Winter / Getty Images Entertainment / GettyImages

    Prima del tanto atteso trailer del film (che sarà presentato in anteprima al Comic-Con di San Diego a luglio), morefit.eu ha parlato con l’allenatore di “Aquaman” Stuart Walton sulle abitudini alimentari che hanno contribuito a trasformare l’attore 38enne in una metà -umano, supereroe mezzo-atlantideo.

    Le buone notizie? “Nessun alimento era vietato, né devono esserlo”, afferma Walton. Ciò includeva la bevanda preferita di Momoa: una pinta abbondante di Guinness. Per fortuna, la birra scura irlandese, nota per la sua cremosa sensazione in bocca (come dicono gli intenditori di birra), è in realtà relativamente a basso contenuto di calorie: una porzione da 12 once di Guinness Draft contiene 125 calorie e 10 grammi di carboidrati, a confronto a 190 calorie e 18,7 grammi di carboidrati in un Octoberfest di Samuel Adams e 210 calorie in Sierra Nevada Stout.

    Tutto ciò ha senso, data la filosofia generale di Walton sull’alimentazione sana, che ha riassunto in tre parole: nutrizione, equilibrio e divertimento. Invece di limitare i cibi, l’allenatore con sede a Londra afferma che lui e Momoa si sono concentrati sulla manipolazione dell’assunzione di macronutrienti dell’attore (più su quella in un secondo) incorporando “i cibi che Jason apprezza di più”.

    Per chi non lo sapesse, lo stile macroscopico della dieta riguarda il conteggio dei grammi di carboidrati, proteine ​​e grassi nella dieta per ottenere un rapporto particolare, uno che è spesso progettato per costruire muscoli senza aggiungere grasso.

    Leggi anche  7 panini per hamburger e hot dog senza glutine da gustare

    Il tutto può sembrare più noioso del tradizionale compito di contare le calorie (perché, beh, lo è), ma i sostenitori dell’approccio affermano che contare i macronutrienti consente una maggiore flessibilità e può portare a risultati migliori.

    Prima di un intenso allenamento, Walton ci dice che Momoa si rifornirebbe di carboidrati – o molta frutta fresca se fosse all’inizio del giorno o un pasto ricco di quinoa o riso più tardi nel corso della giornata. L’altro suo segreto pre-allenamento? “Un caffè forte!” dice Walton. (La ricerca ha dimostrato che per alcune persone una dose di caffè può far ripartire i tuoi allenamenti e migliorare le prestazioni.)

    Per quanto riguarda proteine ​​e grassi (le altre due macro che compongono una dieta focalizzata sulle macro), Walton ci dice che Momoa ha mangiato un sacco di sashimi (principalmente barramundi e salmone) e bistecca, aggiungendo avocado e olio d’oliva per una dose di grassi sani.

    A causa dell’intenso programma di riprese del film (che includeva molte scene subacquee), Walton afferma che non erano severi riguardo ai pasti. “Avremmo mangiato prima e dopo l’allenamento e, a parte questo, i tempi sarebbero stati dettati da quando gli veniva sparato”, condivide.

    La linea di fondo: “Jason è una presenza così dinamica e positiva”, dice Walton. La cosa più importante era tenerlo “alimentato ed energizzato fino al suo completo”. Un buon consiglio per chiunque, giusto?

    Per saperne di più: 10 personaggi famosi su come hanno ottenuto i loro corpi da supereroi (o supervisori)

    Cosa pensi?

    Sei eccitato per il film “Aquaman”? Segui Jason Momoa su Instagram? Hai provato a contare i macronutrienti? Fateci sapere nei commenti qui sotto!