More

    Il succo di limone aiuta a superare i calcoli biliari?

    -

    Il succo di limone e altri succhi ricchi di acido citrico e vitamina C sono stati usati da soli o combinati con olio d’oliva e sali di Epsom per ridurre le calcificazioni nella cistifellea e nei reni per molte generazioni negli Stati Uniti e in Europa. L’acido citrico e la vitamina C, una volta nel sangue, possono dissolvere determinati tipi di calcificazioni nel corpo. Tuttavia, l’istituzione medica non riconosce il succo di limone come utile per il passaggio o la dissoluzione di calcoli biliari, e raccomanda invece un intervento chirurgico, un bombardamento a ultrasuoni o una terapia farmaceutica.

    Succo di fette di limone sulla parte superiore del bicchiere.Credito immagine: AkayArda / iStock / Getty Images

    Calcoli biliari

    I calcoli biliari sono composti cristallini di solito costituiti da sali di calcio, colesterolo e bile. Possono essere piccoli come un granello di sabbia o grandi come una pallina da golf, ma tutti sono considerati anormali e alla fine compromettono la funzione della cistifellea. La loro formazione è spesso scatenata da diete povere, carenza nutrizionale, problemi digestivi e squilibrio ormonale. I calcoli biliari sono classificati in base alla loro composizione e si sviluppano principalmente da colesterolo, bilirubina e bile, o una miscela più uniforme di tutti e tre. Tutti i calcoli biliari contengono alcuni sali di calcio, che li rendono visibili ai raggi X..

    Sintomi e trattamento

    I calcoli biliari si accumulano e crescono nella cistifellea e interrompono la sua funzione primaria, che è quella di concentrare la bile e rilasciarla nell’intestino tenue per la digestione del grasso. I calcoli biliari possono bloccare parzialmente o completamente il passaggio della bile e causare infiammazione, dolore addominale, eruttazione, flatulenza, nausea e vomito, soprattutto dopo aver mangiato cibi grassi e quasi sempre di notte. L’infiammazione cronica della cistifellea, chiamata colecistite, può portare a infezioni batteriche nella cistifellea e infiammazione del pancreas a causa della sua stretta vicinanza.

    Leggi anche  Puoi aumentare la massa muscolare bevendo solo latte di soia?

    Secondo la “Guida completa ai sintomi, alla malattia e alla chirurgia” di H. Winter Griffith M.D., i trattamenti medici prevedono la rimozione della cistifellea, l’ecografia terapeutica intesa a disintegrare le pietre o la terapia farmaceutica a lungo termine con l’acido ursodesossicolico destinato a sciogliere le pietre. Molti rapporti aneddotici sostengono che il succo di limone può anche aiutare a dissolvere i calcoli della cistifellea.

    Succo di limone

    Il succo di limone è ricco di acido citrico e vitamina C, entrambi noti per dissolvere i depositi di calcio, motivo per cui i succhi di agrumi sono stati usati per molti anni come rimedio domestico per cistifellea e calcoli renali, secondo “Erboristeria medica “di David Hoffman. La vitamina C non solo dissolve le calcificazioni, ma è un potente antiossidante e un buon antimicrobico, che aiuta a combattere le infezioni della cistifellea. Il succo di pompelmo fresco o succo di mela viene talvolta sostituito con succo di limone nella pulizia della cistifellea, e i sali di Epsom e l’olio d’oliva sono spesso combinati. L’olio d’oliva e i sali di Epsom stimolano la contrazione della cistifellea e i movimenti intestinali.

    Parere medico

    La posizione dell’establishment medico è ben rappresentata dall’opinione di Peter Moran, il quale ritiene che sia molto improbabile che i calcoli biliari possano essere dissolti o eliminati dalla cistifellea da succo di agrumi, oli vegetali o sali di Epsom. Moran afferma che i calcoli biliari che la gente afferma di passare con movimenti intestinali a seguito di vampate di cistifellea è semplicemente saponificazione o formazione di sapone dell’olio ingerito, che forma globuli scoloriti.