More

    I frutti di mare vanno bene con i calcoli biliari?

    -

    La maggior parte delle persone che hanno i calcoli biliari non lo sanno nemmeno, secondo le notizie e il rapporto mondiale degli Stati Uniti. Queste piccole pietre ghiaiose si formano nella cistifellea quando c’è uno squilibrio nelle sostanze che compongono la bile. Se hai i calcoli biliari, dovresti essere in grado di mangiare frutti di mare. Tuttavia, se i calcoli biliari ti danno problemi, potresti dover prestare attenzione al tipo di pesce che mangi e al modo in cui lo prepari.

    salmoneCredito immagine: Brent Hofacker / iStock / Getty Images

    Calcoli biliari

    CistifelleaCredito immagine: decade3d / iStock / Getty Images

    La cistifellea è un piccolo organo sotto il fegato che raccoglie la bile, la immagazzina e la concentra. La bile è una sostanza densa di cui il tuo corpo ha bisogno per aiutarti a digerire il grasso. La bile è composta da colesterolo, bilirubina, proteine, sali biliari, acqua e alcuni minerali traccia. Se la tua bile contiene troppe sostanze, in particolare il colesterolo, è probabile che la bile si cristallizzi e formi calcoli. I calcoli biliari colpiscono circa il 10 percento della popolazione, ma causano gravi problemi solo tra l’1 e il 2 percento, secondo le notizie statunitensi e il rapporto mondiale.

    Dieta e calcoli biliari

    PesceCredito immagine: George Doyle / Stockbyte / Getty Images

    Apportare modifiche alla tua dieta non può impedirti di formare calcoli biliari, secondo gli autori di “Krause’s Food, Nutrition and Diet Therapy”. Ma se i calcoli biliari causano dolore e infiammazione, potrebbe essere necessario limitare la quantità di grasso nella dieta a circa 40-45 grammi per prevenire le contrazioni della cistifellea. La maggior parte dei frutti di mare è povera di grassi – una buona scelta quando è necessario limitare l’assunzione giornaliera di grassi.

    Leggi anche  9 accoglienti zuppe di frullatore ricche di proteine

    mollusco

    GamberettoCredito immagine: На Гайворонская / iStock / Getty Images

    I crostacei includono gamberi, granchi, aragoste e capesante. I crostacei sono naturalmente a basso contenuto di grassi, il che lo rende una buona scelta nella dieta per i calcoli biliari, sia che tu abbia problemi o meno. Una porzione da 3 once di aragosta o gamberetti cotti contiene meno di 2 grammi di grasso totale. Se devi limitare l’assunzione di grassi a causa di problemi con i calcoli biliari, evita i crostacei fritti e qualsiasi grasso come il burro chiarificato che può essere servito con esso.

    Pesce

    Pesce alla grigliaCredito immagine: Juanmonino / iStock / Getty Images

    Il pesce è anche un’aggiunta salutare alla tua dieta. Ma la quantità di grasso può variare a seconda del tipo di pesce. Le scelte di pesce a basso contenuto di grassi includono merluzzo, passera, eglefino, pollock e arancia ruvida. Una porzione cotta da 3 once di ciascuno di questi pesci contiene meno di 2 grammi di grasso totale. Il pesce grasso, che comprende salmone, tonno e trota, contiene da 6 a 10 grammi di grasso per porzione da 3 once. Se i calcoli biliari non causano problemi, dovresti essere in grado di mangiare tutti i tipi di pesce. Tuttavia, se i calcoli biliari causano dolore, potrebbe essere necessario evitare o limitare i pesci grassi. Evita anche il pesce fritto e qualsiasi grasso servito con pesce, come burro o salsa tartara.