More

    Sprinter vs. marathoner

    -

    Mentre guardi un incontro in pista o un evento di corsa, noterai due tipi di corpo distinti tra velocisti e maratoneti. Un corpo velocista è costruito per la velocità e la potenza mentre il maratoneta è costruito per una resistenza lunga e lenta. Ma ci sono più differenze tra velocisti e maratoneti rispetto al loro aspetto fisico.

    Piedi velocisti che lasciano i blocchi di partenza.Credito immagine: stefanschurr / iStock / Getty Images

    Fibre muscolari

    Ogni muscolo scheletrico contiene due tipi di fibre di base: contrazione lenta o contrazione rapida. Le fibre muscolari a contrazione lenta, o fibre di tipo I, sono fibre ossidative lente che producono contrazioni muscolari lente e sono altamente resistenti alla fatica. Le fibre muscolari a contrazione rapida, o fibre di tipo II, producono contrazioni rapide che si affaticano rapidamente. Di conseguenza, i maratoneti in genere contengono una quantità significativa di fibre muscolari a contrazione lenta mentre i velocisti hanno principalmente fibre muscolari a contrazione rapida.

    Percorsi metabolici

    Il corpo umano utilizza tre specifici percorsi metabolici per fornire energia durante le diverse attività di corsa. Il sistema fosfageno viene utilizzato durante attività ad alta potenza della durata inferiore a 10 secondi mentre il sistema glicolitico viene utilizzato per un’intensità moderata che dura fino a diversi minuti. Il sistema ossidativo viene utilizzato per esercizi a bassa intensità che durano diversi minuti. Con la durata estesa di una maratona, i maratoneti usano il sistema ossidativo circa il 95 percento delle volte e il sistema glicolitico circa il 5 percento. Gli sprint a breve distanza utilizzano principalmente il sistema fosfageno con il sistema glicolitico utilizzato negli sprint a media distanza come i 400 metri.

    Frequenza cardiaca

    La frequenza cardiaca è uno dei migliori predittori dell’intensità dell’esercizio tra lo scatto e la corsa di una maratona. Durante uno sprint ad alta intensità, la frequenza cardiaca può raggiungere dall’80 al 90 percento del massimo. Questa frequenza cardiaca può essere sostenuta solo per un breve periodo di tempo. Per un maratoneta, la frequenza cardiaca è in genere tra il 60 e il 70 percento del massimo, con alcuni corridori di maratona d’élite o esperti che aumentano il livello di intensità per raggiungere e sostenere il 70-80 percento della frequenza cardiaca massima.

    Leggi anche  Come iniziare nella boxe amatoriale

    Programmi di allenamento

    I programmi di allenamento per velocisti e maratone variano in base alle esigenze specifiche di ciascun evento di corsa. Gli sprinter si concentrano sullo sviluppo di fibre muscolari a contrazione rapida e sistema fosfageno migliorando velocità, forza e potenza. Puoi sviluppare fibre muscolari a contrazione rapida usando esercizi pliometrici e allenamento della forza. I maratoneti, tuttavia, si concentrano sullo sviluppo di idoneità cardiorespiratoria, resistenza muscolare e resistenza.