More

    Non credere alla pubblicità sulla vitamina B17, che è di per sé un termine improprio

    -

    La vitamina B17 non è in realtà una vitamina e non può essere classificata come una perché il tuo corpo non la produce o ne ha bisogno. Il nome di vitamina B17 è stato dato a un componente specifico trovato nelle piante e identificato come amigdalina.

    La vitamina B17, o amigdalina, ha alcuni benefici per la salute, ma a causa del suo contenuto di cianuro, non è raccomandato come trattamento per il cancro. Credito immagine: Jaromir Chalabala / EyeEm / EyeEm / GettyImages

    Una forma sintetica concentrata di amigdalina, chiamata laetrile, fu brevettato negli anni ’50 e i due termini sono spesso intercambiabili. Laetrile è meglio conosciuto come un trattamento controverso per il cancro e comporta il rischio di alcuni effetti collaterali pericolosi.

    Che cos’è B17?

    La vitamina B17, o laetrile, è un derivato parzialmente prodotto dall’amigdalina, un composto vegetale di glicoside cianogenico naturale. L’amigdalina è composta da chicchi di albicocche e altre specie vegetali del genere Prunus. Non è stato approvato come vitamina dall’American Institute of Nutrition Vitamins, secondo il National Cancer Institute.

    Laetrile è stato anche bandito dalla FDA dagli anni ’80 e non può essere venduto come medicinale negli Stati Uniti. Tuttavia, una forma di laetrile è prodotta in Messico da chicchi di albicocca schiacciati costituiti da amigdalina e disponibili illegalmente su Internet.

    Alimenti contenenti amigdalina

    Molte piante che contengono elevate quantità di amigdalina, o B17, sono state utilizzate nelle medicine alimentari tradizionali in diverse culture per secoli. Secondo il Marion Institute, questi includono:

    • Noci crude – mandorle (amare e crude) e noci di macadamia

    • erbe – erba di grano, acacia, erba medica germogliata, euforbia e Dover bianco

    • semi – ** **

      lino, chia e sesamo

    • Pozzi di

      albicocca, ciliegia, mela, pesca, nettarina, prugna, pera e prugne secche

    • fagioli – birmania, lenticchie larghe e germogliate e mung, lima e scarlatto

    • Frutti di bosco – quasi tutte le bacche selvatiche, tra cui mora, sambuco, lampone, mirtillo, fragola e chokeberry

    Leggi anche  I semi di sesamo fanno bene? Nutrizione, benefici, rischi e ricette

    Effetti avversi dalle tossine

    Gli alimenti che contengono amigdalina possono far parte della dieta quotidiana. Questi alimenti contengono una tossina vegetale naturale chiamata glicosidi cianogeni. Hanno il potenziale per generare acido cianidrico tossico, che funge da difesa per le piante contro gli erbivori.

    Se mangi quantità eccessive di piante cianogeniche, l’idrogeno cianuro prodotto nello stomaco può impedire alle cellule di usare ossigeno e alla fine ucciderle, secondo una recensione del 2014 dell’Istituto di ricerca e sviluppo per Balotesti bovini.

    Sebbene in genere non sia un problema con il cibo che mangiate, integratori laetrili o farmaci contenenti alte dosi di amigdalina possono causare tossicità da cianuro. Ciò può portare a sintomi e problemi di salute come:

    • Mal di testa
    • Nausea
    • vomito
    • Dolore addominale
    • Vertigini
    • Debolezza
    • Confusione mentale
    • convulsioni
    • Arresto cardiaco
    • Insufficienza circolatoria e respiratoria
    • Coma e, in casi estremi, morte

    Leggi di più: Puoi ottenere avvelenamento da cianuro mangiando mandorle?

    Quanto è troppo?

    Normalmente, mangiare piccole quantità di alimenti cianogenici non rappresenta un rischio per la salute. Tuttavia, sono stati segnalati casi di avvelenamento dall’ingestione di amigdalina nei chicchi di albicocca amara. Il nocciolo è il seme della pietra all’interno dell’albicocca. Quando il nocciolo è macinato o masticato, rilascia acido cianidrico. Abbattere 1 grammo di amigdalina rilascia 59 milligrammi di acido cianidrico.

    L’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha fissato un livello di sicurezza per il cianuro a 20 microgrammi per chilogrammo di peso corporeo. Questa valutazione è 25 volte inferiore alla dose letale più bassa riportata. Sulla base di questi limiti e del contenuto di amigdalina dei gherigli di albicocca crudi, si stima che la quantità letale per gli adulti sia di tre piccoli gherigli di albicocca – per i bambini, la quantità sarebbe circa la metà di un piccolo gheriglio.

    Leggi di più: Tossicità da semi di mela

    Leggi anche  Vivere con il diabete di tipo 2? Questo probiotico è legato a livelli di zucchero nel sangue sani

    Proprietà antinfiammatorie

    La ricerca ha scoperto che l’amigdalina nella B17 ha proprietà antiossidanti che migliorano il sistema immunitario e possono massimizzare i benefici delle cellule antiossidanti. Uno studio del 2014 ha utilizzato l’estratto di nocciolo di albicocca per valutare l’effetto antinfiammatorio e antiossidante dei disturbi infiammatori cronici del tratto gastrointestinale nei ratti.

    I risultati, pubblicati su Research in Pharmaceutical Sciences, hanno mostrato che l’amigdalina presente nel nocciolo di albicocca, nota per la sua elevata capacità di eliminare i radicali liberi, può essere un utile trattamento per la colite e una buona alternativa per alleviare la malattia infiammatoria intestinale.

    Trattamento per endometriosi

    L’endometriosi è un disturbo doloroso e spesso aggressivo che si sviluppa quando il rivestimento dell’utero, indicato come endometrio, cresce fuori dal tuo utero. Spesso provoca infertilità nelle donne e presenta il potenziale rischio di recidiva dopo il periodo di recupero. Nel tentativo di trovare un trattamento efficace per questa grave condizione, i ricercatori hanno esaminato gli effetti dell’amigdalina e del leuprolide acetato sullo sviluppo dell’endometriosi e sulla recidiva nei ratti.

    I risultati dello studio, pubblicato sulla rivista Periodicum Biologorum nel 2017, hanno scoperto che dopo tre settimane, il gruppo di ratti trattati con amigdalina e il gruppo trattato con leuprolide acetato avevano entrambi un volume significativamente inferiore di cellule endometriotiche rispetto al gruppo di controllo, con l’amigdalina che mostra l’effetto più positivo nel trattamento dell’endometriosi.

    Leggi di più: Sintomi delle cisti dell’endometriosi

    Cura alternativa del cancro

    Molte persone che soffrono di cancro sperano in una terapia efficace con le cosiddette cure olistiche che usano la vitamina B17, anche se gli studi non hanno rivelato prove scientifiche sufficienti che dimostrano che la laile o l’amigdalina possono curare il cancro. Nonostante ciò, la vitamina B17 viene ancora promossa come medicina alternativa e complementare per curare il cancro ed è usata in Messico e in alcune cliniche statunitensi. La teoria è che, poiché il cianuro uccide le cellule, può sradicare i tumori e fermare la riproduzione delle cellule tumorali.

    Leggi anche  4 cibi sorprendenti che possono farti ammalare se non li conservi correttamente

    Laetrile viene spesso somministrato in combinazione con diete speciali, vitamine ad alte dosi ed enzimi pancreatici. È disponibile in diverse forme: in compresse, per iniezione endovenosa o intramuscolare, come una lozione per la pelle o come liquido messo sul retto. L’assunzione orale di laetrile comporta un livello di tossicità molto maggiore rispetto ad altri metodi di somministrazione della sostanza. Ciò è dovuto al fatto che il sistema digestivo distrugge il laetrile e rilascia il cianuro.

    Anche se possono provenire da fonti discutibili o essere contaminati, non esiste alcun controllo governativo sui preparati di vitamina B17. I pazienti oncologici devono riconoscere l’elevato rischio di sviluppare gravi effetti avversi dovuti all’avvelenamento da cianuro. Questo rischio potrebbe aumentare con l’assunzione di vitamina C o nei vegetariani con carenza di vitamina B12.

    Cosa dice la ricerca

    La Biblioteca Cochrane ha pubblicato una revisione sistematica per valutare il presunto effetto anticancro e i possibili effetti collaterali di amigdalina e laetrile. Un gruppo di esperti ha raccolto tutte le prove e le conclusioni da una serie di database con ricerche aggiornate al 2018.

    La conclusione degli autori è stata che, per quanto riguarda l’uso di laetrile o preparati contenenti amigdalina, nessuna affermazione potrebbe essere supportata dai dati clinici per l’uso di entrambi come avere alcun effetto benefico per i malati di cancro. I risultati hanno sottolineato il notevole rischio di gravi effetti avversi da avvelenamento, principalmente prevalenti dopo ingestione orale di laetrile o amigdalina, entrambi i quali hanno un componente strutturale comune che contiene cianuro.

    L’asporto è che l’equilibrio rischio-beneficio di laetrile o amigdalina come trattamento per il cancro è negativo e dovrebbe essere scoraggiato. Inoltre, i ricercatori suggeriscono che non esistono giustificazioni scientifiche né etiche per ulteriori studi clinici con amigdalina o laetrile per il trattamento del cancro.