More

    Alimenti da evitare in caso di diverticolite

    -

    La diverticolite è una condizione medica che si verifica a causa dell’infiammazione del colon. Questa condizione può causare una serie di diverse complicanze gastrointestinali. Per prevenire il peggioramento della diverticolite, è necessario consumare una dieta ricca di fibre evitando cibi dannosi per il tratto gastrointestinale.

    Un elenco di alimenti da evitare di mangiare con diverticoliteCredito immagine: s-cphoto / iStock / GettyImages

    Leggi di più: Tutto sulla diverticolite

    Malattia diverticolare

    La malattia diverticolare è una condizione del tratto gastrointestinale. Inizia con il colon e una condizione nota come diverticolosi.

    La diverticolosi fa sporgere le tasche attraverso i punti deboli del colon. Questa condizione può essere innocua o può trasformarsi in malattia diverticolare. Ciò può portare a sanguinamento, sintomi gastrointestinali o diverticolite, una condizione medica che può diventare grave se non trattata. Mentre la diverticolosi è abbastanza comune, una piccola percentuale di persone sviluppa diverticolite e le sue complicanze associate.

    La diverticolite è fondamentalmente un’infiammazione delle tasche che si sono formate nella diverticolosi. La diverticolite, se grave, può portare a problemi come ascessi, fistole, infezioni, ostruzioni e lacrime.

    Anche quando non si verificano complicazioni secondarie, le riacutizzazioni che possono verificarsi possono essere spiacevoli, dolorose e possono anche richiedere il ricovero in ospedale. Il trattamento di questa condizione comporta in genere il consumo di alimenti ricchi di fibre, come cereali integrali, e alimenti ricchi di batteri benefici, come gli alimenti fermentati. Tuttavia, altre volte, potrebbe essere necessario consumare una dieta ristretta composta da brodi e succhi di frutta o cibi a basso contenuto di fibre.

    Leggi di più: Condizioni digestive

    Alimenti da evitare con diverticolite

    Ad un certo punto, un’ampia varietà di alimenti era considerata pericolosa per le persone con diverticolite. Questi alimenti includevano popcorn, noci e semi. Anche i semi di frutta e verdura erano considerati potenzialmente dannosi. In questi giorni, c’è meno enfasi posta sui problemi con il consumo di questi alimenti. Tuttavia, alcune diete possono renderti incline allo sviluppo di diverticolite e possono aumentare la possibilità di complicanze legate alla malattia.

    Leggi anche  7 cibi da mangiare quando desideri lo zucchero

    In particolare, le diete povere di fibre, ad alto contenuto di proteine ​​animali e ad alto contenuto di grassi di origine animale possono aumentare la probabilità di sviluppare diverticolite. Se hai già la diverticolite e sei stato in prodotti a base di latte ad alto contenuto di grassi o una dieta ricca di proteine, potrebbe essere necessario ristrutturare il modo in cui mangi.

    Puoi sostituire le proteine ​​animali con fonti proteiche alternative, come legumi e tofu. Puoi anche scambiare il tuo latte ricco di grassi o altri prodotti lattiero-caseari con alternative casearie a basso contenuto di grassi o anche prodotti lattiero-caseari alternativi a base vegetale.

    Non devi eliminare completamente carne e latticini dalla tua dieta, ma ridurre il consumo di questi prodotti migliorerà la salute del tuo sistema digestivo. Vegetariani e vegani hanno in realtà meno probabilità di sviluppare diverticolite grazie al loro consumo di frutta e verdura ricca di fibre.

    Il trattamento della diverticolite può comportare medicinali come antinfiammatori e antibiotici, ma quasi sempre richiede il consumo di alimenti ricchi di fibre e batteri benefici. Mentre puoi ottenere batteri benefici dai probiotici, è anche possibile ottenere questi da prodotti alimentari fermentati.

    Il consumo di frutta e verdura ricca di fibre migliorerà la salute del tratto gastrointestinale. Altri alimenti ricchi di fibre includono cereali integrali e cereali. Anche gli alimenti fermentati sono facilmente accessibili e includono prodotti come kimchi, natto e miso. Tuttavia, non tutti gli alimenti fermentati contengono probiotici sufficienti, quindi potrebbe essere necessario integrare di conseguenza la dieta.