More

    Perché l’aglio può far venire la gassosi e cosa fare per evitarlo

    -

    Le “scoregge all’aglio” esistono davvero.Credito d’immagine:Lucy Lambriex/DigitalVision/GettyImages

    Se l’aglio vi fa venire la nausea o se un pasto ricco di aglio vi lascia sempre con un caso di scoregge all’aglio, non è frutto della vostra immaginazione. Sebbene questa spezia non sia la prima cosa che viene in mente quando la maggior parte delle persone pensa ai cibi che causano gas, in effetti può provocare un caso di brontolio.

    Ma ecco una boccata d’aria fresca: È possibile evitare questi effetti puzzolenti senza eliminare completamente l’aglio,

    Perché l’aglio dà gas?

    L’aglio dà gas perché è ricco di fruttani, un carboidrato fermentabile che si trova anche in alimenti come cipolle, porri, scalogni, grano, segale, inulina e radice di cicoria. “Gli esseri umani non hanno l’enzima per scomporre questa molecola e i fruttani non possono essere assorbiti nell’intestino tenue, dove avviene la maggior parte dell’assorbimento dei nutrienti”, spiega April Panitz, RDN, CDN, cofondatrice di Amenta Nutrition.

    Di conseguenza, i fruttani scendono nell’intestino crasso per lo più non digeriti, dove vengono fermentati dai batteri che vi vivono. È questo processo di fermentazione che può scatenare sintomi come gas, gonfiore e persino dolore addominale, spiega Panitz.

    Tutte le persone malassorbono i fruttani: è semplicemente una caratteristica del nostro sistema digestivo. Ma per la maggior parte delle persone, mangiare un pasto leggermente saporito di aglio non scatena sintomi evidenti.

    “In generale, la maggior parte delle persone può consumare piccole quantità di aglio senza avvertire sintomi o con sintomi minori”, afferma Panitz, aggiungendo: “È importante ricordare che è normale emettere gas circa 10-12 volte al giorno”. (E il motivo non ha sempre a che fare con il cibo).

    Leggi anche  3 motivi per cui le cipolle possono dare fastidio allo stomaco

    I problemi tendono ad iniziare quando si mangia molto aglio in una volta sola. Se poi si aggiungono altri alimenti ricchi di fruttani, il problema peggiora. Perciò, se notate un caso di tosse dopo aver mangiato, per esempio, pasta con salsa di pomodoro all’aglio e cipolla e pane all’aglio, è normale, dice Panitz.

    Se siete molto sensibili ai fruttani, anche un pizzico di aglio nel vostro pasto potrebbe scatenare il disagio.

    “Le persone affette da sindrome dell’intestino irritabile, morbo di Crohn, colite ulcerosa o SIBO possono essere inclini a manifestare questi sintomi anche quando assumono una piccola quantità di alimenti contenenti fruttani”, spiega Panitz.

    Cosa fare in caso di scoregge all’aglio

    La flatulenza indotta dall’aglio può essere fastidiosa, ma non è dannosa.

    “Se gli alimenti ricchi di fruttani, come l’aglio, vi fanno venire la flatulenza, non è necessario eliminarli dalla vostra dieta”, dice Panitz. “I fruttani non causano danni all’intestino né danno luogo a un processo infiammatorio”.

    Le “scoregge all’aglio” esistono davvero.Credito d’immagine:Lucy Lambriex/DigitalVision/GettyImages

    Se l’aglio vi fa venire la nausea o se un pasto ricco di aglio vi lascia sempre con un caso di scoregge all’aglio, non è frutto della vostra immaginazione. Sebbene questa spezia non sia la prima cosa che viene in mente quando la maggior parte delle persone pensa ai cibi che causano gas, in effetti può provocare un caso di brontolio.

    Ma ecco una boccata d’aria fresca: È possibile evitare questi effetti puzzolenti senza eliminare completamente l’aglio,

    Perché l’aglio dà gas?

    L’aglio dà gas perché è ricco di fruttani, un carboidrato fermentabile che si trova anche in alimenti come cipolle, porri, scalogni, grano, segale, inulina e radice di cicoria. “Gli esseri umani non hanno l’enzima per scomporre questa molecola e i fruttani non possono essere assorbiti nell’intestino tenue, dove avviene la maggior parte dell’assorbimento dei nutrienti”, spiega April Panitz, RDN, CDN, cofondatrice di Amenta Nutrition.

    Leggi anche  Cipolle e peperoni causano bruciore di stomaco?

    Di conseguenza, i fruttani scendono nell’intestino crasso per lo più non digeriti, dove vengono fermentati dai batteri che vi vivono. È questo processo di fermentazione che può scatenare sintomi come gas, gonfiore e persino dolore addominale, spiega Panitz.

    Tutte le persone malassorbono i fruttani: è semplicemente una caratteristica del nostro sistema digestivo. Ma per la maggior parte delle persone, mangiare un pasto leggermente saporito di aglio non scatena sintomi evidenti.

    “In generale, la maggior parte delle persone può consumare piccole quantità di aglio senza avvertire sintomi o con sintomi minori”, afferma Panitz, aggiungendo: “È importante ricordare che è normale emettere gas circa 10-12 volte al giorno”. (E il motivo non ha sempre a che fare con il cibo).

    I problemi tendono ad iniziare quando si mangia molto aglio in una volta sola. Se poi si aggiungono altri alimenti ricchi di fruttani, il problema peggiora. Perciò, se notate un caso di tosse dopo aver mangiato, per esempio, pasta con salsa di pomodoro all’aglio e cipolla e pane all’aglio, è normale, dice Panitz.

    Se siete molto sensibili ai fruttani, anche un pizzico di aglio nel vostro pasto potrebbe scatenare il disagio.

    “Le persone affette da sindrome dell’intestino irritabile, morbo di Crohn, colite ulcerosa o SIBO possono essere inclini a manifestare questi sintomi anche quando assumono una piccola quantità di alimenti contenenti fruttani”, spiega Panitz.

    Cosa fare in caso di scoregge all’aglio