Sviluppo sintattico nei bambini

Sebbene i bambini imparino a parlare a ritmi diversi, quasi tutti i piccoli imparano a formare parole e frasi in un ordine simile, iniziando con sillabe singole e passando a idee più complesse come il tempo. In pochi anni, un bambino non passa affatto dalla lingua alla formazione di frasi coerenti seguendo le regole grammaticali. Questo processo si chiama sviluppo sintattico.

I bambini seguono cinque fasi dello sviluppo sintattico. Credito: Visualizza Stock / Visualizza Stock / Getty Images

Informazione generale

La sintassi si riferisce alle regole utilizzate per combinare le parole per creare frasi; lo sviluppo sintattico è il modo in cui i bambini imparano queste regole. Lo sviluppo sintattico viene misurato usando MLU, o lunghezza media dell’enunciato, che è fondamentalmente la lunghezza media della frase di un bambino; questo aumenta quando un bambino cresce. Secondo il libro di Jean Berko Gleason, “Lo sviluppo del linguaggio”, i bambini attraversano cinque fasi dello sviluppo sintattico che sono state identificate da Roger Brown nel 1973. I bambini sviluppano automaticamente regole sintattiche senza istruzioni esplicite; lo imparano semplicemente ascoltando gli altri parlare intorno a loro.

Fase I

Di età compresa tra 12 e 18 mesi, i bambini di solito iniziano a usare le parole per comunicare, iniziando con espressioni di una sola parola, come “altro”, “vai” o “cane”. Entro pochi mesi dall’espressione delle prime parole, entrano nella fase I dello sviluppo sintattico, due combinazioni di parole. Secondo Gleason, queste frasi primitive consistono principalmente di nomi, verbi e aggettivi con una mancanza di importanti elementi grammaticali.

Fase II

Mentre i bambini si muovono attraverso le cinque fasi dello sviluppo sintattico, le loro frasi aumentano di lunghezza. Secondo la patologa del linguaggio Caroline Bowen, i bambini iniziano a imparare elementi grammaticali nella fase II, di solito tra i 28 e i 36 mesi. La maggior parte dei bambini acquisisce questi elementi nello stesso ordine, a partire dall’attuale progressismo, quindi dalle preposizioni avanti e indietro.

Leggi anche  Pro e contro dei bambini che usano il computer

Fase III

Bowen scrive che la fase III include l’acquisizione di parole del passato irregolari, come “caduto”, seguite dall’aggiunta di “s” ai possessivi, quindi l’uso corretto di “essere” verbi, come “sono” contro “è”. Questa fase di solito si verifica tra 36 e 42 mesi.

Fase IV

La fase IV, che dura dai 40 ai 46 mesi, comprende la comprensione degli articoli, il tempo passato regolare (aggiunta -ed) e il tempo presente regolare in terza persona, come “Ride”. I bambini di solito applicano regole generali a tutte le parole prima di imparare le irregolarità. Ad esempio, un bambino spesso dirà “andato” o “passi” prima di dire “andato” o “piedi”. Ma questo dimostra la comprensione delle regole; è un altro fenomeno appreso automaticamente.

Stadio V

Da 42 mesi in poi, i bambini raggiungono lo stadio V, che include l’uso di contrazioni, come “Io sono” e “tu sei”. Usano il tempo presente irregolare di terza persona, come “lei ha” e usi più complicati dei verbi “essere”, come combinarli con altri verbi e formare contrazioni con essi. Secondo Bowen, i bambini di solito hanno padroneggiato tutte queste fasi entro 52 mesi e dovrebbero essere in grado di formare frasi da quattro a cinque parole intorno ai 4 anni.

I 17 migliori esercizi da fare invece di push-up

Gli esercizi della parte superiore del corpo e del core-come assi e presse toraciche-sono...

Il 5 miglior yoga si pone per il reflusso...

Alcune pose yoga - come la posa del triangolo girevole o la svolta spinale...

27 deliziose ricette di formaggio ricche di proteine

Le ricette con formaggio sono spesso ricche di proteine ​​e calcio. Credito di immagini:...

214 Statistiche del cancro alla prostata che dovresti sapere

I tassi di cancro alla prostata sono più alti tra i neri assegnati al...

8 alimenti che ti fanno sudare, secondo un dietista

Anche il caffè ghiacciato è considerato un alimento che induce il sudore. Credito di...

Qual è la differenza tra un attacco d’ansia e...

Respirare profondamente può aiutarti a gestire i sintomi di un attacco di panico in...