More

    Quali prodotti contengono acido citrico?

    -

    L’acido citrico si trova naturalmente negli agrumi, come arance, pompelmi, limoni e lime, così come altri tipi di frutta tra cui ananas e pomodori. L’acido citrico viene spesso aggiunto ai prodotti per renderli aspri, fermentarli o per aiutarli a preservarli. Se hai un’intolleranza o un’allergia all’acido citrico, è utile conoscere alcuni dei prodotti più comuni che lo contengono in modo da poterli evitare mentre lavori per ridurre l’assunzione di questo acido.

    Gli agrumi sono una fonte naturale di acido citrico.

    Cibi in scatola

    Molti alimenti in scatola contengono acido citrico aggiunto perché aiutano a prolungare la shelf life del prodotto e ne esaltano il sapore, osserva Lisa Rayner, autrice di “The Natural Canning Resource Book: A Guide to Home Canning with Locally-Grown, Sustainally-Produced” e alimenti del commercio equo e solidale. ” Rayner aggiunge che l’acido citrico aiuta a migliorare la sicurezza dei prodotti in scatola impedendo ai batteri di crescere sul cibo e riducendo la possibilità che il prodotto si rovini prima che venga aperto o consumato. Se puoi i tuoi cibi, dovresti aggiungere acido citrico per prolungare il tempo in cui i tuoi alimenti rimarranno sicuri da mangiare.

    Bevande analcoliche

    Il morso acuto che si ottiene spesso da una bibita è spesso dovuto all’aggiunta di acido citrico. Le bibite più comuni in cui si trova l’acido citrico sono quelle aromatizzate alla frutta, riportano David P. Steen e P. R. Ashurst, autori di “Bevande gassate: formulazione e fabbricazione”. L’acido citrico completa il gusto della maggior parte degli aromi di frutta e frutta e aiuta a prolungare la durata di conservazione delle bevande analcoliche. Se non puoi o non vuoi consumare acido citrico, assicurati di leggere le etichette degli ingredienti sui tuoi prodotti preferiti di soda per assicurarti di sceglierne uno che non contiene questo acido.

    Leggi anche  Effetti collaterali di xilitolo e sorbitolo

    Vino

    La quantità di acido citrico aggiunta a un vino aiuta a determinare la qualità e il gusto, riferisce Jan Farkas, autore di “Tecnologia e biochimica del vino”. Mentre l’acido citrico aiuta a conservare cibi in scatola e bibite, non ha gli stessi benefici per il vino. Più acido citrico viene aggiunto a un vino, più breve è il tempo necessario per berlo prima che inizi ad avere un sapore amaro e acido. Se scegli un vino che contiene acido citrico, assicurati di bere piuttosto rapidamente per assicurarti di godere ancora del vino con il miglior sapore possibile.