Effetti negativi della boxe

La boxe è uno dei modi migliori per rimettersi in forma. Combina un allenamento cardio eccitante e frenetico con potenza esplosiva della parte superiore e inferiore del corpo. Quando impari a inscatolare, impari anche tecniche di autodifesa che puoi portare nel mondo reale. Ci sono così tanti motivi positivi per provare la boxe, con un solo aspetto negativo: le lesioni alla testa che si accompagnano alla competizione.

La boxe è un ottimo modo per mettersi in forma, basta fare attenzione alle lesioni alla testa. Credito: Vstock LLC / VStock / Getty Images

Lesioni alla testa nel pugilato

La scoperta di lesioni alla testa nel pugilato risale al 1928, secondo un articolo del 2011 su Clinics in Sports Medicine. Un medico legale del New Jersey ha scoperto una serie di sintomi in circa la metà dei combattenti che ha esaminato e che avevano una lunga carriera.

La tecnologia e la scienza sono diventate significativamente più avanzate dal 1928, rivelando sempre di più ciò che c’era dietro quella scoperta originale. Gli infortuni alla testa sono stati oggetto di un maggiore controllo negli ultimi dieci anni da quando la National Football League ha iniziato a indagare sugli infortuni alla testa nei giocatori di calcio.

La boxe è uno sport pieno di colpi alla testa. Ecco perché è stato un banco di prova per gli scienziati interessati a studiare le lesioni alla testa. Molte scoperte sulle ferite alla testa sono venute dal mondo della boxe e molte di loro sono tristi.

Leggi di più: Effetti a lungo termine della boxe

Pugili professionisti vs. dilettanti

La stima iniziale era che circa la metà di tutti i combattenti professionisti aveva riportato lesioni cerebrali nel 1928. O lo sport è diventato più violento o è più facile rilevare tali lesioni, poiché un rapporto del PloS One del 2012 rivelava che oltre l’80% dei pugili olimpici aveva segni e sintomi di danno cerebrale.

Leggi anche  La caffeina ti dà i frullati?

I pugili professionisti sono molto più a rischio rispetto alle loro controparti amatoriali. Nella boxe professionale, gli atleti non indossano protezioni per la testa, combattono in modo significativo più round e sperimentano colpi più duri. In una partita professionale, l’obiettivo è metterti fuori combattimento, non segnare punti.

Tuttavia, i pugili dilettanti mostrano ancora alcune prove di CTE, encefalopatia traumatica cronica, secondo uno studio del 2007 sul British Medical Journal, anche se non è così grave o comune come nel pugilato professionale.

commozioni

Le lesioni alla testa si verificano quando un pugile viene colpito alla testa. Il tuo cervello si trova in una pozza di liquido protettivo all’interno del cranio, ma in realtà non tocca nessuna delle ossa del cranio.

Quando un pugile viene colpito alla testa, il cervello sbatte contro il cranio duro, causando lividi e danni. Se il colpo è abbastanza grave, la persona può rimanere incosciente per un breve periodo di tempo. Questa è una commozione cerebrale, o come è più comunemente noto nella boxe, un knockout.

Solo alcune commozioni cerebrali in realtà ti fanno perdere conoscenza. Anche se sono meno gravi e il combattente continua a boxe attraverso la ferita alla testa, il cervello si fa ancora male. Anche queste lesioni non guariscono totalmente. Continuano a peggiorare e il cervello si deteriora nel tempo. Questo è noto come CTE. Man mano che un pugile con CTE invecchia, il suo cervello diminuirà molto più velocemente di qualcuno che non ha avuto molte lesioni alla testa.

Encefalopatia traumatica cronica

I primi segni di CTE sono l’incapacità di prestare attenzione, perdendo facilmente concentrazione, difficoltà a ricordare le cose, confusione, vertigini e mal di testa. Man mano che peggiora il giudizio del pugile inizia a peggiorare; inizia a comportarsi in modo irregolare e può persino sviluppare i primi sintomi della malattia di Parkinson.

Leggi anche  Gli effetti negativi del vegetarismo

I sintomi possono peggiorare al punto da avere difficoltà a camminare, parlare e persino sentire. Alla fine, assomiglia molto alla malattia di Parkinson in piena regola o alla demenza.

I pugili dilettanti corrono un rischio molto minore di lesioni alla testa rispetto ai professionisti.Credit: Zoonar RF / Zoonar / Getty Images

Prevenire lesioni alla testa

Essere eliminati potrebbe sembrare la cosa peggiore per le ferite alla testa, ma non lo è. Il vero problema deriva da tutti i pugni che i pugili prendono alla testa che non li mettono fuori combattimento. Questi sono noti come colpi subconcussivi. Feriscono leggermente il cervello ma non sono abbastanza forti da costringere il combattente a smettere di combattere.

Un combattente riceverà solo un colpo ad eliminazione diretta durante un combattimento. Ma se questo knock-out non si verifica, possono ricevere dozzine di colpi subconcussivi cerebrali.

Il modo migliore per prevenire lesioni è ridurre al minimo il tempo trascorso sul ring. Meno colpi alla testa hai durante la tua vita, meglio è. I pugili dilettanti sono generalmente al sicuro poiché combattono solo per tre round. I pugili professionisti in genere hanno più combattimenti e i loro round sono più lunghi, mettendoli in pericolo molto più per le lesioni alla testa.

Leggi di più: Come ottenere un mento più forte nel pugilato

I pugili dilettanti indossano anche un copricapo protettivo, che può attenuare i colpi alla testa. Questo tipo di equipaggiamento protettivo deve essere indossato il più spesso possibile durante la boxe.

È importante imparare il più possibile sulle lesioni alla testa e sui segni di commozioni cerebrali. Se sei mai eliminato, dovresti consultare immediatamente un medico in grado di diagnosticare una commozione cerebrale.

Leggi anche  Sintomi di mal di testa alla caffeina

Un medico dovrebbe anche sapere come dire quando dovresti ritirarti del tutto dalla boxe. Secondo un articolo in Archives of Clinical Neuropsychology, ci sono due principali segnali di avvertimento. Il primo è che una commozione cerebrale dura più a lungo del normale, e la seconda è che sei molto più suscettibile alle commozioni cerebrali. Quando inizi a vedere segni premonitori di lesioni alla testa, potrebbe essere il momento di smettere di combattere.

Come eseguire il ricciolo nordico inverso per la massima...

Il ricciolo nordico inverso prende di mira tutti i muscoli quad, impedisce lesioni e...

Malattia gengivale: tipi, cause, sintomi e trattamenti

La malattia gengivale può essere diagnosticata solo da un dentista. Credito di immagini: KOH...

Come fare la sfida di fitness “porta Sally” e...

Puoi fare la sfida "Bring Sally Up" come riscaldamento o come suo allenamento e...

6 insidie ​​estive che possono mettere a repentaglio la...

La tariffa del barbecue va bene con moderazione, ma bilanciarla con scelte alimentari sane...

Vuoi iniziare la terapia ormonale a base di estrogeni?...

Se sei interessato alla terapia di affermazione del genere basata su estrogeni, puoi facilmente...

Quanto è grave bere un vecchio caffè?

Se ti stai chiedendo se il tuo caffè andrà male o meno, dipende da...