Come tonificare un ventre cesareo

La pancia di ogni nuova mamma sembra un po ‘flaccida dopo la gravidanza, ma coloro che hanno avuto un taglio cesareo possono trovare che la mancanza di tono sia un po’ più pronunciata. L’estrazione chirurgica del tuo prezioso nuovo fascio ha indebolito i muscoli addominali, ma esercizi di tonificazione possono ripristinare la forza e la definizione dell’area nel tempo. Consultare il proprio medico prima di iniziare qualsiasi tipo di programma di esercizi postnatali.

Primo piano di donna facendo esercizio tavola. Credito: DAJ / immagini di amana / Getty Images

Passo 1

Tonifica il tuo ventre cesareo dopo aver guarito sufficientemente dalla nascita di tuo figlio. University of Iowa Health Care consiglia di attendere che il bambino abbia 6 settimane e di aver ricevuto l’appuntamento dal medico postpartum prima di iniziare una seria routine di allenamento, per evitare lesioni. Potresti tirare fuori punti o riaprire altrimenti la ferita chirurgica se tendi gli addominali troppo presto.

Passo 2

Sdraiati sulla schiena su un materassino da ginnastica, il letto o un pavimento in moquette per eseguire inclinazioni pelviche. Questo esercizio rafforza e tonifica i muscoli dello stomaco. Piega le ginocchia e appoggia i piedi sul pavimento. Inclina il bacino e i fianchi, mantenendo la parte bassa della schiena sul pavimento. Mantieni la posizione per cinque secondi e rilassati.

Passaggio 3

Esegui scricchiolii modificati per rimettere in forma la pancia del bambino dopo il taglio cesareo. Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate e i piedi sul pavimento come se stessi per fare un’inclinazione pelvica. Invece, stringi i muscoli dello stomaco, metti le mani giunte dietro la testa e solleva le spalle dal pavimento o dal tappetino. Muoviti fluidamente su e giù per completare uno scricchiolio.

Leggi anche  Come sbarazzarsi di un marsupio da una sezione cesarea

Passaggio 4

Esegui ponti, un altro esercizio addominale che ti aiuterà a ritrovare il tono muscolare che hai perso durante la gravidanza e il parto. Sdraiati sulla schiena con le braccia lungo i fianchi, le ginocchia piegate e i piedi ben piantati per terra. Stringere i muscoli dello stomaco e sollevare i fianchi fino a quando non sono in linea con le spalle. Le spalle e la parte superiore della schiena devono ancora toccare il pavimento. Tenere premuto il ponte per cinque secondi prima di rilasciarlo.

Passaggio 5

Procedi gradualmente fino a un determinato numero di ripetizioni. Non solo stai guarendo dal tuo intervento chirurgico, ma sei senza dubbio stanco di prenderti cura di un neonato, quindi concediti una pausa e non aspettarti che avvengano 10 ripetizioni durante la notte. Lisa Stone, specialista di fitness postnatale certificata, suggerisce di iniziare con tre ripetizioni di scricchiolii e di aumentare lentamente la quantità che puoi fare fino a quando non puoi eseguire facilmente da 10 a 12 scricchiolii senza stancarti.

Passaggio 6

Esercizio tre volte alla settimana, se possibile. L’allenamento regolare può favorire la circolazione e la guarigione ed è buono per la salute cardiovascolare e la pancia post-cesareo. Ricordati di bere molta acqua per rimanere idratato per la tua salute generale e l’allattamento, se stai allattando il tuo bambino.

avvertimento

Interrompi qualsiasi esercizio se senti dolore nel sito della tua cicatrice.

I 17 migliori esercizi da fare invece di push-up

Gli esercizi della parte superiore del corpo e del core-come assi e presse toraciche-sono...

Il 5 miglior yoga si pone per il reflusso...

Alcune pose yoga - come la posa del triangolo girevole o la svolta spinale...

27 deliziose ricette di formaggio ricche di proteine

Le ricette con formaggio sono spesso ricche di proteine ​​e calcio. Credito di immagini:...

214 Statistiche del cancro alla prostata che dovresti sapere

I tassi di cancro alla prostata sono più alti tra i neri assegnati al...

8 alimenti che ti fanno sudare, secondo un dietista

Anche il caffè ghiacciato è considerato un alimento che induce il sudore. Credito di...

Qual è la differenza tra un attacco d’ansia e...

Respirare profondamente può aiutarti a gestire i sintomi di un attacco di panico in...